Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

All'età di 67 anni è scomparsa a causa di una grave malattia

É morta Marcella Di Folco fondatrice e presidente del Movimento transessuali


É morta Marcella Di Folco fondatrice e presidente del Movimento transessuali
07/09/2010, 18:09

BOLOGNA - Nell'hospice di Bentivoglio è morta all'età di 67 anni, Marcella Di Folco, dove era ricovera per una brutta malattia. Lo annuncia il Movimento Identità Transgender, di cui lei ne era presidente e fondatrice. Sul sito si legge il seguente messaggio: Marcellona ci ha lasciati. Non è facile annunciare la perdita di una grande persona e non è semplice comunicare il vuoto che lascia. Le parole e i discorsi hanno un loro limite, affidiamo ai pensieri, alle emozioni, ai ricordi tutto quello che è stata Marcella Di Folco. Compagna, amica, sorella, mamma di tutte/i noi, il MIT perde la leader maxima, la sua traccia essenziale resta indelebile nella storia della nostra Associazione e del movimento tutto. Il coraggio con cui ha dedicato la sua intera vita alla dignità e ai diritti di tutte e tutti indistintamente, rende difficile l'elaborazione della sua perdita. Il MIT, il Movimento GLBT, la politica e la cultura tutta perdono una loro parte importante.
Ma chi era Marcella Di Folco? Nata a Roma nel 1943, è stata un'attivista e politica italiana, nonché vicepresidente dell'ONIG (Osservatorio Nazionale sull'Identità di Genere). Nel 1980, dopo un travagliato e lungo periodo di conflitto con la sua identità di genere, si opera a Casablanca. In quegli anni partecipava attivamente al Movimento Italiano Transessuale, che aveva lo scopo di ottenere una legge per il cambio di sesso in Italia (ottenuta nel 1982). Per quanto riguarda la politica nazionale è stata più volte candidata alle elezioni parlamentari ed è stata consigliere comunale dal 1995 al 1999, prima trans eletta al mondo, alle politiche sociali di Bologna. Nel mondo del cinema ha lavorato per registi come Federico Fellini (nel film Amarcord), Roberto Rossellini ed altri.

Commenta Stampa
di Caterina Cannone
Riproduzione riservata ©