Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

17enne del Rione Don Guanella arrestato per Rapina


17enne del Rione Don Guanella arrestato per Rapina
16/05/2012, 16:05

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Polizia “San Ferdinando”, hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, un 17enne napoletano del Rione Don Guanella, in quanto gravemente indiziato del delitto di rapina aggravata in concorso. Il fatto era avvenuto lo scorso 20 febbraio quando, sempre i poliziotti di San Ferdinando, lo avevano sorpreso insieme a un complice, successivamente identificato quale suo parente maggiorenne, mentre rapinavano un automobilista fermatosi ad un semaforo di Via Marina. I poliziotti erano fuori servizio e stavano rientrando alle proprie case, ma all’altezza del Varco Portuale Pisacane, avevano appunto sorpreso i due, che in sella ad un motociclo, avevano appena rapinato gli occupanti di un’Audi Q5. Si erano quindi subito avvicinati al motociclo ed avevano inseguito i due rapinatori riuscendone a bloccare ed arrestare solo uno, poi identificato per l'arrestato. L’altro, il 17enne, era riuscito a fuggire facendo perdere le proprie tracce tra i vicoletti adiacenti portando via con se il bracciale d’oro e brillanti che aveva appena sottratto alla vittima. L’arrestato, subito perquisito, era stato trovato in possesso dell’orologio rolex appena rapinato, poi restituito al proprietario, e di un telefono cellulare il cui possesso era stato successivamente attribuito al complice fuggito. Dall’esame dei dati contenuti in quel telefono, sono quindi partite le indagini che hanno poi condotto i poliziotti all’identificazione del 17enne quale probabile complice dello scippatore.  Questa mattina, il minore indiziato è stato rintracciato e condotto presso gli uffici del Commissariato, dove è stato sottoposto ad individuazione di persona da parte della vittima, che senza ombra di dubbio lo ha riconosciuto quale uno dei due autori della rapina subita lo scorso 20 febbraio. Il giovane rapinatore è stato quindi fermato e subito dopo condotto al Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©