Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

20enne cerca di incassare assegno colnato: arrestato a Napoli


20enne cerca di incassare assegno colnato: arrestato a Napoli
04/01/2012, 12:01

Ieri pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Polizia “Poggioreale”, hanno arrestato B.A., 20enne di Arzano, per il delitto di riciclaggio.

Verso le 08.30, il giovane si era recato presso l’Ufficio Postale di Via Nuova Poggioreale ed aveva chiesto di poter cambiare un assegno di 25.000 euro. In considerazione dell’elevato importo, l’impiegata gli aveva chiesto di recarsi presso l’ufficio di emissione del titolo situato a Caserta. A questo punto il 20enne ha mostrato la propria carta Postamat grazie alla quale era possibile versare l’importo del titolo sul proprio conto postale. Insospettita dalla richiesta di prelevare quanto più contante possibile, la donna aveva quindi deciso di visualizzare le movimentazioni del conto di B.A. ed aveva scoperto che vi erano solo 46 euro e che nei giorni precedenti erano stati versati assegni dal notevole importo ma le somme erano state subito prelevate.

L’impiegata ha quindi contattato l’Ufficio Postale di Caserta al fine di rintracciare l’intestataria del conto a cui l’assegno si riferiva. Il collega la invitava però a non cambiare l’assegno in quanto la titolare aveva appena denunciato che nei giorni passati dal proprio conto corrente erano state prelevate ingenti somme di denaro.

Resasi conto di quanto stava accadendo, l’impiegata ha pertanto chiesto l’intervento dei poliziotti che immediatamente giunti sul posto hanno fermato il 20enne e lo hanno condotto presso gli uffici del Commissariato.

Successivamente alla denuncia della dipendente delle Poste di Poggioreale, i poliziotti si sono recati presso l’abitazione del giovane Arzanese per una perquisizione domiciliare dove lo stesso ha spontaneamente consegnato 5.000 euro, somma subito sequestrata.

B.A. è stato quindi arrestato e condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Le attenzioni dei poliziotti sono ora rivolte verso la provincia dove si sospetta potrebbero aprirsi nuovi filoni investigativi in quanto l’episodio non è stato considerato singolo ed avulso da un probabile contesto malavitoso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©