Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il processo è in corso al Tribunale di Pavia

3 anni e 6 mesi per le maestre dell'asilo degli orrori di Casarile

La condanna è stata richiesta dal pm Roberto Valli

3 anni e 6 mesi per le maestre dell'asilo degli orrori di Casarile
24/11/2011, 19:11

PAVIA- La condanna a tre anni e sei mesi è stata chiesta oggi dal pm Roberto Valli nei confronti di Roberta Bonizzoni, 33 anni, coordinatrice dell'asilo nido "Primi passi "di Casarile (Milano), e di Elena Pistillo, 34 anni, insegnante nello stesso asilo. Sono accusate di maltrattamenti fisici e psicologici nei confronti dei 18 bambini ospiti della struttura (di età tra i sei mesi ed i tre anni). L'Accusa non è solo quella di maltrattamenti "fisici e psichici sui bambini" ma anche di sequestro di persona. I carabinieri di Binasco hanno infatti documentato situazioni in cui i bimbi venivano chiusi per punizione in stanzette buie all´interno del nido di via Leonardo da Vinci. Le telecamere hanno ripreso episodi di violenza fisica, come schiaffi e botte sulle mani, ma soprattutto psicologica, come l´obbligo di tenere la testa poggiata sui tavolini se i piccoli si rifiutavano di dormire.  "Non ho mai voluto fare del male - ha affermato Roberta Bonizzoni - mi sembravano cose normali, non volevo essere violenta".
Il processo è in corso di svolgimento al Tribunale di Pavia.
L'inchiesta, che nella scorsa primavera aveva portato all'arresto delle due maestre, è stata condotta dalla Procura di Pavia, in stretta collaborazione con i carabinieri di Binasco (Milano). L'asilo nido "Primi passi "di Casarile (Milano) operava in convenzione con il Comune.
A dare il via alle indagini era stata la segnalazione di una ex maestra della struttura.  Il pubblico ministero ha sostenuto, nella sua requisitoria, che le due maestre, tornate nel frattempo libere, avrebbero sottoposto i bambini a ripetute umiliazioni con atti di puro sadismo. Nella richiesta di condanna è compresa anche l'aggravante della crudeltà e dei futili motivi. Nel corso dell'udienza di oggi, hanno parlato anche alcune delle parti civili che rappresentano le famiglie dei bambini. Le due maestre non erano presenti in aula.

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©