Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una enorme folla ha seguito la bara del sindaco di Pollica

6000 persone sotto la pioggia per i funerali di Vassallo


.

6000 persone sotto la pioggia per i funerali di Vassallo
10/09/2010, 15:09


POLLICA (SALERNO) - Una folla enorme, ma composta nel suo dolore ha partecipato al funerale del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, ucciso con 7 colpi di pistola mentre era in macchina. Sono partiti dal porto di Acciaroli, quel porto che il SIndaco aveva sistemato e sviluppato, impedendo qualsiasi contaminazione esterna. Tra gigantografie del volto di Vassallo e la scritta "Ciao Angelo, eroe del Cilento", la folla è arrivata alla chiesa, quasi senza accorgersi della pioggia che cadeva copiosa sul piccolo comune cilentano. Poi la cerimonia, con l'omelia del vescovo di Vallo della Lucania, Monsignor Rocco Favale, che ha lanciato pesanti accusa contro gli assassini: "Chi ha ucciso ha atteggiamenti più simili alle bestie che agli uomini. Mi auguro che non siano mescolati tra noi o che siano sprofondati sulle loro poltrone a guardare in tv questa grande manifestazione di affetto per Angelo. Perchè lo hanno fatto? Forse per qualche affare sul territorio che è stato smascherato o rifiutato da Angelo. Povere bestie umane".
Poche le presenze dei politici e del governo, e per di più sono sembrati molto fuori posto: il Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, il sottosegretario all'interno Alfredo Mantovano, il segretario del Pd Pierluigi Bersani, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il leader dell'Udc Pierferdinando Casini.
Ma più che la solita sfilata di politici, soprattutto è stata la giornata del dolore per i concittadini di Vassallo, un tributo all'alta qualità del lavoro svolto, sia in campo ecologico che di rilancio dell'economia totale. Ed è quest'ultima parte che probabilmente ne ha causato la morte. Infatti resta come più probabile l'ipotesi che ad uccidere sia stata la camoprra perchè in sindaco fermava la loro espansione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.