Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il legale dell’uomo: "E' stato raggirato dalla badante"

80enne malato di Alzheimer indagato per spaccio


80enne malato di Alzheimer indagato per spaccio
11/05/2010, 20:05

ROMA – Un 80enne malato di Alzheimer è indagato per spaccio internazionale di droga. Una vicenda insolita su cui gli uomini della Guardia di Finanza stanno cercando di fare chiarezza. L’uomo è finito nei guai per un pacco fattogli recapitare dalla sua ex badante sud americana e contenente due chili di cocaina purissima per un valore di 200mila euro. Si tratta di un carico di stupefacenti proveniente dal Venezuela, intercettato all’aereoporto di Malpensa. Gli uomini delle fiamme gialle hanno avviato le indagini a seguito della denuncia per calunnia nei confronti della donna presentata dall’avvocato Gianluca Arrighi che difende l’80enne. Le sue condizioni di salute non consentono nemmeno all’anziano di rendersi conto di quello che è successo. Sembrerebbe l’ennesimo caso di raggiro a danno di anziani, le forze dell’ordine stanno indagando a 360 gradi. Nella denuncia l’80enne sostiene di aver accettato il pacco postale, senza essere a conoscenza del contenuto, solo in virtù dei buoni rapporti con l’ex badante nonostante la cessazione del rapporto di lavoro.  “L’iscrizione del mio assistito nel registro degli indagati, seppur poteva costituire un atto dovuto all’inizio delle investigazioni, è oggi priva di ogni fondamento - ha sottolineato il penalista – E’ evidente come l'anziano pensionato sia stato ingannato e raggirato da chi si è ignobilmente approfittato delle sue patologiche condizioni di salute. Sono certo che verranno adottati al più presto gli opportuni provvedimenti cautelari nei confronti dei responsabili”.
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©