Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

14 ettari di vigneto e pescheto sequestrati alla camorra

A Chiaiano inaugurato il fondo “Selva Lacandona”


.

A Chiaiano inaugurato il fondo “Selva Lacandona”
02/03/2013, 14:26

CHIAIANO – 14 ettari di vigneto e pescheto, oggi sono stati riconsegnati definitivamente alla società. Stiamo parlando di un bene confiscato alla camorra: un fondo rustico, in località Martino di Fuschi di Chiaiano, che questa mattina ha riaperto i cancelli alla gente del territorio.

Già nel luglio dell'anno scorso fu avviato, pro-tempore, un affidamento da parte della ottava Municipalità all'associazione (R)esistenza, che intraprese un lavoro di coltura sul terreno: furono prodotte marmellate di pesca, succhi di frutta poi distribuiti al vicinato e ai ragazzi delle scuole durante la festa inaugurale dell'anno scolastico, nella villa comunale di Scampia. Ma non solo, le confetture e i succhi furono utilizzati per l'iniziativa "Facciamo un pacco alla camorra". Insomma un buon lavoro, premiato con la riconferma della fiducia all’associazione che dirige Ciro Corona. L’obiettivo è chiaro: creare una concreta alternativa al lavoro criminale mettendo in rete scuole associazioni cooperative ed Istituzioni.

Il Fondo è stato ribattezzato col nome "Selva Lacandona" per l'importanza storica, culturale e sociale dell'omonima foresta presente in Messico e manterrà in ricordo commemorativo la dedica al Professore Amato Lamberti. A benedite il terreno di Chiaiano c’era questa mattina Padre Alex Zanotelli.

E per assicurare trasparenza nell’uso del terreno, il presidente dell’ottava municipalità, Angelo Pisani, ha annunciando un bando pubblico.

Questo è il lieto fine di una “brutta storia”. L’ultimo anello di una lavoro che vede impegnate, in prima linea, le forze dell’ordine che si battono per togliere linfa alla criminalità organizzata. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©