Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A fuoco l' auto di un panificatore che ha denunciato gli abusivi a Ponticelli


A fuoco l' auto di un panificatore che ha denunciato gli abusivi a Ponticelli
12/11/2012, 16:25

"Un' altra auto di un panificatore dell' Unipan è andata a fuoco l' altra notte - denucnia il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli che da anni combatte conto la panificazine abusiva in provincia di Napoli - a Ponticelli. La vettura è la terza che viene bruciata in breve tempo a distanza di pochi giorni dalle ultime denunce contro gli abusivi. Al Presidente dei panificatori campani Unipan Mimmo Filosa alcuni mesi fa avevano già tagliato tutte le ruote dei furgoni della sua ditta. Adesso tocca ad un altro dirigente dell' associazione che ancora oggi, nonostante il disinteresse di tutti, continua a segnalare il mercato della panificazione abusiva di essere pesantemente minacciato. Si tratta di Enzo Citarelli che da sempre combatte contro gli abusivi. Oramai a Ponticelli, Barra e San Giovanni a Teduccio la panificazione è di nuovo saldamente in mano alla criminalità come nella gran parte della provincia napoletana a partire da Afragola, passando per Cercola, Acerra, Giugliano e Casalnuovo. Le forze dell' ordine da tempo non seguono più il fenomeno che tra l' altro sta crescendo notevolmente anche grazie alla crisi economica".
"Non so se continueremo a denunciare. Non solo non veniamo ringraziati per le nostre segnalazioni - spiega Mimmo Filosa presidente dell' Unipan - ma spesso ci rendiamo conto che la polizia è quasi infastidita da noi mentre le Asl non sono mai intervenute a nostro favore. Oramai questo settore è solidamente nelle mani della camorra con la benedizione dello Stato che lascia gli onesti al loro destino di emarginati. Forse è meglio che la panificazione sia affidata direttamente ai clan che infilano numerosi prodotti tossici nel cibo che fanno mangiare ai cittadini napoletani a partire dai nostri bambini. Tutti dovrebbero ribbellarsi contro il pane inquinato e nocivo alla salute che è tra le principali cause delle malattie tumorali sui notri territori assieme ai rifiuti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©