Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A Ischia tabelle sede Pcim-l imbrattate con croci celtiche


A Ischia tabelle sede Pcim-l imbrattate con croci celtiche
07/09/2010, 13:09


ISCHIA (Na) - "Due tabelle del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, poste all'esterno della sede lungo via Provinciale Panza a Forio, sono state imbratatte con una locuzione fascista (Dux nobis) e una croce celtica". Lo sostiene Domenico Domenico Savio, segretario generale del Pcim-l. "L'atto intimidatorio - afferma in una nota - fa seguito alle minacce e agli insulti ricevuti in passato dai dirigenti del Pcim-l a fronte del loro impegno politico e delle loro denunce anche giornalistiche su varie problematiche socialì. Sull'accaduto è stata presentata stamattina ai carabinieri della compagnia di Ischia una denuncia-querela". "La verità - conclude Savio - è che ogni qualvolta siamo impegnati in battaglie a difesa dell'intera collettività, riceviamo puntualmente minacce e intimidazioni". Nelle ultime settimane i dirigenti del Pcim-l sono stati impegnati soprattutto nella lotta contro il minacciato aumento del costo del biglietto dei collegamenti marittimi privati nel golfo di Napoli per i residenti e i pendolari e contro la privatizzazione di gran parte della spiaggia libera della Chiaia da parte dell'amministrazione comunale di Forio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©