Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

l'Arin Spa viene trasformata in Abc Napoli

A Napoli l'acqua diventa "Un bene comune"

Grande soddisfazione del sindaco de Magistris

A Napoli l'acqua diventa 'Un bene comune'
26/10/2011, 18:10

NAPOLI - «Non posso che esprimere la mia soddisfazione per questa giornata in cui l'Arin Spa viene trasformata in Abc Napoli, 'Acqua bene comune Napoli, cioè in una azienda speciale a carattere totalmente pubblico». Lo scrive su facebook il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, sulle righe di quanto detto oggi in Consiglio comunale in relazione alla delibera relativa alla nascita dell'Abc Napoli. Il sindaco aggiunge:«Ringrazio innanzitutto chi per primo ha voluto questo e ha ottenuto questo: il movimento per l'acqua pubblica. Qualche mese fa, quando ancora non ero sindaco, firmai quel referendum perchè ne comprendevo la valenza anche politica. Ed infondo stiamo andando anche oltre le intenzioni del movimento per l'acqua pubblica perchè ci stiamo occupando di beni comuni e democrazia partecipativa». «L'assessorato ad hoc che abbiamo istituito - prosegue de Magistris - solo apparentemente può sembrare non avere diretta incidenza politica, perchè privo di portafogli, ma invece è l'assessorato con maggiore valenza politica della storia di questa amministrazione comunale. Oltre all'acqua, noi abbiamo cominciato a lavorare anche su altri beni comuni e poniamo attenzione al concetto di bene comune in generale. Beni comuni sono, infatti, il sapere, la conoscenza, la cultura, il mare, il territorio, internet». «Questi patrimoni - prosegue il sindaco - non devono appartenere alle multinazionali e ai privati, perchè non appartengono in fin dei conti nemmeno ai governi e agli stati, nemmeno ai municipi e ai governatori, bensì appartengono soltanto alle cittadine e ai cittadini di questo mondo. Non producono utili in senso capitalistico ma producono utilità sociale». «Il nostro quindi non è solo un lavoro politico - sottolinea il sindaco di Napoli - ma è l'elaborazione di un modello alternativo da un punto di vista culturale, sociale ed economico. Oggi non possiamo infatti essere dipendenti solo dalle borse di Tokio, di New York, di Francoforte, di Londra e di Milano. Vogliamo provare nel nostro piccolo, vogliamo provare da Napoli a portare avanti modelli sociali alternativi con la democrazia partecipativa». «Ecco perchè riconosco una grandissima importanza a questo giorno: continua de Magistris - qui simbolicamente c'è la volontà del sindaco, c'è la volontà della giunta, c'è la volontà del consiglio e, soprattutto, c'è la volontà del popolo in questa direzione di difesa dei beni di tutti e della partecipazione nell'amministrazione da parte della cittadinanza. Se riusciamo, in un passaggio storico di crisi come questo, a consolidare i momenti di unità per superare le crisi e per favorire l'alternativa, Napoli potrò essere un esempio nazionale e non solo proprio in materia di beni comuni e democrazia partecipativa», conclude de Magistris.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©