Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A Napoli si comprano voti per 20 euro, Di Mauro analizza il fenomeno


A Napoli si comprano voti per 20 euro, Di Mauro analizza il fenomeno
25/03/2010, 17:03


NAPOLI - "Problematica antica che negli ultimi anni è stata in parte arginata, ma ora in vista delle prossime elezioni regionali sta nuovamente riesplodendo a livelli considerevoli. Capisco che chi sta morendo si attacchi a qualsiasi filo di speranza, ma la gente deve capire che la compravendita di voti elettorali è un reato, un illecito associabile alla corruzione". Con queste dichiarazioni Angelo Di Mauro, viceresponsabile per la Campania dell'Italia dei Diritti, commenta i risultati apparsi nel dossier sul voto inquinato presentato dalla Federazione della Sinistra. Emerge un listino prezzi per ottenere voti che parte dai 20 euro a persona nelle zone più degradate della città ai 50 euro per chi vive nei rioni centrali, sino ad arrivare a 150 euro per ricevere la garanzia di voto di tutto il nucleo familiare. A questo si aggiungono anche promesse di lavoro e donazioni di generi alimentari. Coinvolti nella vicenda entrambi gli schieramenti politici. "Ci troviamo di fronte ad una situazione vergognosa difficile da sradicare. È giunta l'ora di smettere di fare politica in maniera imprenditoriale. Questi sono i risultati - tuona l'esponente del movimento guidato da Antonello De Pierro - La politica è un'altra cosa, deve approcciarsi in maniera differente ai bisogni dei cittadini, deve basarsi su un'etica morale, ma ad oggi - conclude Di Mauro - questa non c'è. Cominciamo con lo smascherare i responsabili di questi reati".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©