Cronaca / Nera

Commenta Stampa

La donna ha visitato l'appartamento del transessuale

A Roma la madre di Brenda: “Voglio giustizia”


A Roma la madre di Brenda: “Voglio giustizia”
30/11/2009, 19:11

ROMA - E' arrivata oggi dal Brasile, la madre di Brenda, il transessuale coinvolto nel caso Marrazzo e morto lo scorso 20 novembre.
Visibilmente provata dal dolore, la signora Azeneta Mendes Paes, è giunta in Italia per per ottenere il nullaosta dai magistrati e riportare nel suo Paese il corpo di Brenda. Un grosso paio di occhiali scuri e un mazzo di fiori bianchi. E' così che la donna si è presentata in tarda mattinata, accompagnata dai suoi avvocati, in via Due Ponti, nel piccolo appartamento dove viveva Brenda e dove un incendio ne ha provocato la morte per soffocamento. Con lei anche una parente, la zia del transessuale. Ad accogliere le due, le amiche di Brenda.
La mamma del trans finito agli onori delle cronache nazionali prima per il suo coinvolgimento nell'“affaire Marrazzo”, e poi per la sua tragica morte, ha voluto dunque visitare il luogo in cui viveva Brenda; la donna si è fermata per qualche minuto in casa raccogliendosi in preghiera e  lasciando all'ingresso i fiori bianchi. Subito dopo si è recata nell'appartamento di China, trans amica di Brenda. Più tardi poi la donna ha ha visitato la figlia nell'obitorio del Policlinico Gemelli di Roma, dove il corpo del transessuale brasiliano si trova per essere sottoposta agli esami autoptici.
Intanto sulla morte del trans la procura di Roma sta procedendo per omicidio volontario commesso da ignoti.
«Stiamo attendendo il via libera dei medici legali per il rimpatrio della salma - ha detto Nicodemo Gentile, uno degli avvocati della famiglia di Brenda. I risultati degli istologici e tossicologici non sono ancora pronti. Parleremo con i medici per capire quando sarà possibile il nullaosta al sepoltura». I legali della donna hanno anche aggiunto: «La madre di Brenda vuole giustizia e verità che spetta a tutte le persone, a prescindere dal loro status».
Con molta probabilità, la donna sarà ascoltata dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal pm Rodolfo Sabelli, ma l'audizione potrebbe tenersi soltanto nei prossimi giorni.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©