Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A Roma Varanini denuncia scarsa trasparenza su sanzioni per irregolarità in Centro Storico


A Roma Varanini denuncia scarsa trasparenza su sanzioni per irregolarità in Centro Storico
03/05/2011, 17:05

Dopo il caso monetine a Fontana di Trevi, il responsabile per il I Municipio dell’Italia dei Diritti chiede chiarezza sul numero dei verbali deliberati a seguito delle varie violazioni

“Plaudiamo all’iniziativa del comandante dei Vigili Urbani di Roma di sospendere, evidentemente per autotutela, il comandante del Primo Gruppo, a seguito dei fatti avvenuti lo scorso 14 marzo. Tuttavia, riteniamo che l’azione debba essere unita ad un programma amministrativo di trasparenza sul controllo dell’esecuzione delle multe comminate. Perché, come è emerso dai fatti esposti dalle cronache, furono disposti oltre 100 verbali all’individuo in questione, l’abusivo raccoglitore di monetine, ma non c’è chiarezza sulla maniera nella quale siano stati poi eseguiti tali procedimenti precedentemente ordinati”.

Commenta con queste parole Emiliano Varanini, responsabile per il I Municipio dell’Italia dei Diritti, l’avvicendamento tra il sospeso Cesarino Caioni e il nuovo comandante della polizia municipale della zona Centro Storico Stefano Napoli. Un cambio ai vertici, determinato dal comportamento scandaloso, ai limiti del lecito, tenuto del personale addetto alla sorveglianza che era di turno durante il ladrocinio di monetine alla Fontana di Trevi.

I fatti offrono lo spunto a Varanini per denunciare la mancata ammenda delle numerose irregolarità che, quotidianamente e sotto gli occhi dei vigili, avvengono nella zona centrale della Capitale : “Appare necessario – sottolinea l’esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro - operare nella direzione di rendere trasparenti le multe, misura efficace al fine di limitare la miriade di comportamenti abusivi nel centro storico. Ci riferiamo soprattutto all’infinità di banchetti irregolari dei commercianti, ai torpedoni che invadono il quartiere e che violano il piano mobilità sostando più di 10 minuti, come sarebbe previsto dalla legge. Desidereremmo vedere – auspica Varanini - quali e quanti sono i verbali deliberati, sapere quali sono quelli comminati all’occupazione abusiva di suolo pubblico. Vorremmo più trasparenza”.

Allo scopo di riferire i problemi vissuti dai cittadini e a tutela della legalità, l’Italia dei diritti domanda un incontro con Stefano Napoli : “Chiederemo – asserisce il responsabile del I Municipio - un incontro immediato con il nuovo comandante dei vigili, augurandogli un buon lavoro”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©