Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sembra che alcune telecamere abbiano ripreso l'omicidio

A Tivoli il primo agguato del 2012


A Tivoli il primo agguato del 2012
03/01/2012, 20:01

ROMA - Quello di ieri sera a Tivoli Terme è il primo agguato dall'inizio del 2012. Un caso ancora da ricostruire e contestualizzare, ma non certo un episodio isolato. E se è vero che non si possono mettere in relazione tutti i ferimenti e gli omicidi avvenuti nel 2011, non si può neanche escludere che alcuni di essi siano in qualche modo legati. Solo a dicembre nella Capitale si contano quattro feriti e una vittima. L'ultimo ferimento nella Capitale risale al 29 dicembre scorso. A San Lorenzo, in via dei Lucani, Carmelo Fichera, 45enne originario di Catania e già noto alle forze dell'ordine, viene colpito alle gambe. Sono le 5.30 di mattina. A un giorno dalla vigilia di Natale, il 23 dicembre, viene ferito a colpi d'arma da fuoco a largo Filippo Mengaroni, nel quartiere Tor Bella Monaca, Gioacchino Agliano, 50 anni, che ha diversi precedenti per spaccio di droga, rapina e ricettazione. A sparare due uomini a bordo di uno scooter. Il 18 dicembre un albanese viene colpito mentre è in via Torrenova a bordo di un'auto non sua. La vettura appartiene a un 64enne noto alle forze dell'ordine per spaccio di droga. Intanto sembra che una telecamera abbia ripreso per una manciata di secondi i due autori dell'agguato di ieri sera a Tivoli Terme. Secondo quanto si è appreso da fonti investigative, si tratta di una registrazione dell'impianto di videosorveglianza di un negozio nei pressi del luogo dell'aggressione che avrebbe immortalato, solo per pochissimi istanti, i due uomini mentre transitavano a bordo dello scooter, con in testa caschi integrali. I militari stanno ascoltando in ospedale la vittima dell'agguato, il 51enne Francesco Bianco legato in passato ai Nar, per acquisire elementi utili alle indagini. Al momento gli investigatori non escludono nessuna pista, anche se sembra improbabile possa esserci un movente politico dietro il ferimento. Si ipotizza invece che si tratti di una punizione, un «segnale» che hanno voluto dare a Bianco, forse in seguito a una recente lite.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©