Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Venerdì manifestazione di protesta in Regione

Abbattimenti, demolizione rinviata a Cappella Bianchini


.

Abbattimenti, demolizione rinviata a Cappella Bianchini
21/04/2010, 16:04

TORRE DEL GRECO - Ruspe pronte ad entrare in azione questa mattina in via Lagno Rivieccio in località Cappella Bianchini per procedere all’abbattimento di un’abitazione di 50 metri quadri dove vive una ragazza madre. Scongiurata per ora la demolizione, ma la situazione resta incandescente. Una vicenda che sta provando fortemente la famiglia Colarusso, una di quelle colpute dal provvedimento di abbattimento. “Volevano abbattere la casa di mia figlia – dice la signora Colarusso – è una ragazza madre ed ha un bambino di 13 anni, provato psicologicamente per quanto sta succedendo. Siamo uniti e non intendiamo mollare. Continueremo a far sentire la nostra voce”. Non sono mancate nella giornata di oggi le proteste nel quartiere. “Stamattina era prevista la demolizione di un immobile di circa 50 metri quadri a Cappella Binchini – spiega l’avvocato Anania, responsabile della neonata associazione a tutela delle “case di necessità” – di proprietà di una ragazza madre che vive con grossi disagi sia economici che di salute. Dopo varie diatribe è arrivata l’intesa almeno formale tra il commissariato e il Comune per procedere alla demolizione successivamente, presubilmente nei prossimi sette giorni”. Previste 70 demolizioni non soltanto nella zona di Cappella Binchini, ma anche in via del Monte e Cappella Nuova. Si tratta di case costruite negli anni 70-80 senza i necessari permessi, abusi ai quali ora la magistratura intende far fronte. Ieri in 400 sono scesi in piazza per difendere quanto costruito con i sacrifici di una vita. L’attenzione resta alta, venerdì, infatti, è in programma una manifestazione contro gli abbattimenti in Regione Campania. "Dobbiamo essere compatti ed uniti – dicono i residenti di Cappella Bianchini – il problema non riguarda solo la città di Torre del Greco". Intanto il Governo sta ipotizzando un decreto legge per sospendere le procedure di demolizione delle abitazioni abusive in Campania costruite fino al 2003, in attesa che il nuovo Consiglio regionale legiferi riaprendo i termini del condono edilizio di sette anni fa, i cui effetti furono bloccati sul territorio campano da provvedimenti della Giunta Bassolino, poi però dichiarati illegittimi dalla Corte Costituzionale.
Nel video allegato i momenti salienti della giornata di oggi a Cappella Bianchini. 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©