Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

I dati sulla 194 dimostrano il sabotaggio della legge stessa

Aborti, -50% rispetto al 1982. Medici obiettori al 70%


Aborti, -50% rispetto al 1982. Medici obiettori al 70%
14/09/2013, 15:52

ROMA - Gli aborti si sono dimezzati negli ultimi 30 anni, perchè' non ci sono più medici che lo pratichino. E' questa la sintesi che si può ricavare dalla relazione annuale, trasmessa al Parlamento, sull'applicazione della legge 194, quella che regola l'interruzione volontaria della gravidanza. 
Secondo il rapporto di quest'anno, ci sono stati 106 mila interruzioni di gravidanza, in calo sia rispetto ai dati dell'anno scorso (oltre 111 mila casi) ma soprattutto rispetto al 1982, quando ce ne furono quasi 235 mila. Un miglioramento delle misure di prevenzione di gravidanze indesiderate? Senz'altro. Ma soprattutto questo è dovuto all'indecente aumento dei medici che si rifiutano di eseguire l'intervento nelle strutture pubbliche: dal 59% del 1983 al 69,3% attuale. Una percentuale che varia da regione a regione: per esempio al sud si supera quasi sempre l'80% di obiettori di coscienza. Ma non è che al nord vada meglio: nella sola lobardia 11 ospedali non hanno ginecologi che non siano obiettori e in altri 12 gli obiettori superano il 90% del totale. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©