Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aborti clandestini, al via da domani il processo ai medici del Rizzoli di Ischia


Aborti clandestini, al via da domani il processo ai medici del Rizzoli di Ischia
18/02/2009, 17:02

Comincerà domani, davanti al giudice monocratico Federico Somma della sezione distaccata di Ischia del Tribunale di Napoli, il processo ai medici dell'ospedale Rizzoli, Attilio Conte, primario del reparto di ginecologia, e Giovanni Strudel, sempre in servizio presso il nosocomio isolano. Il gup Maria Gabriella Pepe nei mesi scorsi ha rinviato a giudizio Conte, obiettore di coscienza, per due casi di presunta falsità ideologica. Il primo relativo "all'interruzione volontaria della gravidanza di A.P., 27 anni (all'epoca del contestato reato 21enne), perché avrebbe attestato falsamente nella cartella clinica di aver proceduto a un intervento in seguito a "aborto ritenuto",anche se consapevole della non veridicità della "per aver proceduto ad interruzione volontaria della gravidanza in violazione di legge, ovvero in assenza degli accertamenti previsti ed in struttura sanitaria non autorizzata alle interruzioni volontarie di gravidanzà. Il secondo episodio riguarda l'interruzione volontaria della gravidanza di T.P., 28 anni (all'epoca dei fatti 22enne), perché avrebbe attestato falsamente nella cartella clinica che la giovane aveva avuto un aborto spontaneo, anch'egli consapevole che si era trattato di una interruzione volontaria della gravidanza in violazione di legge. A giudizio anche il ginecologo Giovanni Strudel, per due interventi riguardanti due presunti aborti illegali, A. F., 46 anni (all'epoca 42enne) e L. E., 45 anni (all'epoca 40enne). Tre le donne rinviate a giudizio: A.P., 27 anni, A.F., 46 anni, L.E., 45 anni, tutte di Ischia ed altre due T.P., 28 anni, e l'ucraina N.K., 31 anni, per le quali è intervenuta la prescrizione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©