Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrestato il medico

Aborti clandestini e feti gettati nel water


Aborti clandestini e feti gettati nel water
19/08/2010, 17:08

Vicenza - Si chiama Rowland Williamson Tayor, 49 anni , originario della Sierra Leone ,il medico che praticava aborti clandestini. Dal 2006 donne con documenti irregolari , disperate o senza altre alternative si recavano presso l’abitazione di questo ginecologo , ormai diventata una vera e propria sala medica e sborsavano dai 500 ai 1500 euro per liberarsi del feto , quest’ultimo gettato nel water domestico. Le pazienti venivano spesso ospitate per qualche giorno presso l’abitazione, ma in caso di complicazioni solo quelle munite di documento , permesso di soggiorno o tessera sanitaria venivano invitate all’ospedale civile della Ulss nr. 5 di Arzignano (Vicenza ) , dove il “Dott. Williamson” era impiegato , in modo da potere essere seguite con le ulteriori apparecchiature mediche. Nel referto medico risultava che l’interruzione della gravidanza era avvenuto in altro stato.
Interruzione volontaria della gravidanza senza osservare le disposizioni indicate nell’Art. 5 e 8 della legge 194 / 78 ( aborti clandestini, ndr) , falso ideologo commesso da p.u. e favoreggiamento della prostituzione , questi i reati che hanno portato il giudice di Vicenza , Eloisa Pesenti , a notificare l’ordinanza di custodia cautelare in carcere. L’arresto è avvenuto ieri pomeriggio dai carabinieri vicentini.
Lo scorso 30 Luglio , dopo una persecuzione nell’abitazione del medico a Grumolo delle Abbadesse , i militari del nucleo investigativo hanno sequestrato : materiale ecografico del reparto di ginecologia dell’ospedale di Arzignano ,riferibile a pazienti in via di identificazione, modelli presentabili in bianco con l’intestazione “Ospedale di Arzignano- divisione di Ostretica Ginecologia “ per la richiesta di interruzione di gravidanza da parte del paziente , numerosi farmaci ginecologici, ovuli vaginali, pomate e pillole oltre a 21 compresse di “Cytotec” utilizzato come farmaco abortivo , ma anche apparecchiature ecografiche ferri chirurgici e Marijuana.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©