Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo rivela il report del ministero della Salute

Aborto, in Italia è calato del 2,5%


Aborto, in Italia è calato del 2,5%
05/08/2011, 21:08

ROMA - E’ calato del 2,5% rispetto al 2009 il ricorso all’aborto in Italia. A rilevarlo è la Relazione stato attuazione legge 194/1978 del ministero della Salute, depositata ieri sera in Parlamento.

Leggendo il report, si scopre che il tasso di abortività in Italia, è fra i più bassi tra i Paesi occidentali; particolarmente basso è quello relativo agli aborti ripetuti, a quello attuati dopo novanta giorni di gravidanza e quello che riguarda le minorenni.
“Siamo in un Paese - continua il report - a bassa natalità, ma anche a basso ricorso all’interruzione volontaria della gravidanza, dunque l'aborto non e' utilizzato come metodo contraccettivo. Altri Paesi (come Francia, Gran Bretagna e Svezia) hanno tassi di abortivita' più elevati a fronte di una contraccezione chimica più diffusa, e di un'attenzione accentuata verso l'educazione alla procreazione responsabile''.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©