Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Abruzzo: in 8 rifiutano laurea alla memoria, "Non partecipiamo agli spot elettorali"


Abruzzo: in 8 rifiutano laurea alla memoria, 'Non partecipiamo agli spot elettorali'
29/05/2009, 14:05

Aumentano i segnali di malessere provenienti dai terremotati in Abruzzo. Un esempio è quanto dichiarato da 8 famiglie, che hanno rifiutato di partecipare alla consegna di lauree alla memoria che il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi farà domani a L'Aquila. Si tratta delle famiglie di Michele Strazzella, Enza Terzini, Tonino Colonna, Luca Lunari, Marco Alviano, Angela Cruciano, Luciana Capuano, Davide Centofanti, morti tutti sotto le macerie della Casa degli Studenti, di L'Aquila. Le otto famiglie hanno reso nota una loro dichiarazione, nella quale affermano che  "l'assegnazione del titolo alla memoria per noi genitori e parenti delle vittime non ha ovviamente nessun valore morale e affettivo. Allo stato attuale è un blando tentativo di voler semplicemente chiudere una tragica parentesi che ha sconvolto la nostra esistenza". "Non si può trasformare una cerimonia in un momento pre-elettorale - ha confermato da Torre dè Passeri Paolo Colonna, padre di Tonino, morto all'Aquila a 19 anni - si sta toccando il fondo moralmente. Non mi piace e non si può fare. E non ci stiamo".
Insieme alla loro, comincia a farsi sentire la protesta dei Vigili del Fuoco, dopo che il governo si è rifiutato di reinserire, nel decreto legge sull'Abruzzo, in via di conversione in Parlamento, gli adeguamenti di organici, di mezzi e di indennità, come previsto nella prima stesura del provvedimento.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©