Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Abusi edilizi sull'Argentario: 54 indagati


Abusi edilizi sull'Argentario: 54 indagati
27/02/2009, 13:02

Sono 171 le pratiche sequestrate e finite sotto la lente d'ingrandimento dei magistrati nell'inchiesta sugli abusi edilizi a Monte Argentario, che ha portato a indagare 54 persone. Per venti di loro il Gip ha firmato misure cautelari che vanno dagli arresti domiciliari, al divieto di dimora, alla sospensione dal'attivita' professionale. Nei guai e' finito anche un architetto della Soprintendenza dei beni architettonici e ambientali di Siena e Grosseto. Le accuse vanno dalla corruzione, al falso ideologico, all'abuso d'ufficio all'abuso edilizio. Nell'elenco delle irregolarita' figurano piscine costruite senza permesso, volumetrie aumentate, villette nate ex novo, assieme alla speculazione edilizia effettuata a Porto Santo Stefano in questi ultimi anni. In due casi la magistratura ha accertato che sarebbe corso del denaro: 30 mila euro a trance; in altre situazioni ci sarebbe stato un semplice scambio di favori. Il tutto era finalizzato ad ottenere permessi la' dove non si poteva costruire, aggirando vincoli ambientali, oppure ottenendo licenze di costruzione e sanatorie per abusi edilizi gia' accertati. Sotto inchiesta e' finito anche l'ex vicesindaco di Monte Argentario con delega all'urbanistica e 5 dipendenti comunali in servizio e uno in pensione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©