Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È un militare, originario della Florida, di 28 anni

Abusi su una bimba di 7 anni: in manette un sergente


Abusi su una bimba di 7 anni: in manette un sergente
29/05/2012, 10:05

PISA – L’ennesimo caso di pedofilia passa per un comune in provincia di Pisa, dove un uomo è stato arrestato. Si tratta di un sergente di 28 anni, originario della Florida, accusato di violenza pluriaggravata su minore e di produzione di materiale pedopornografico: il militare, secondo quanto è stato appurato, avrebbe compiuto una serie di violenze sessuali su una bambina di sette anni e, come se non bastasse, nel suo appartamento sono state sequestrate foto di altri bimbi sotto i dieci anni, tutti costretti a quanto pare a subire atti sessuali e abominevoli crudeltà, perfino con il coinvolgimento di animali.
La violenza sessuale è stata individuata grazie a una denuncia di Telefono Arcobaleno: in virtù di questa, infatti, sono scattate le perquisizioni in casa dell’uomo e nel suo ufficio dentro la base statunitense di Camp Darby. Le indagini hanno avuto una svolta quando una maestra di una scuola toscana, tra le molte interpellate dagli investigatori, ha riconosciuto da alcune immagini la sua alunna, consentendo così di risalire all’esatta identità della bimba, che così è stata sottratta al suo aggressore. Proprio esaminando immagini di abusi su bambini, il Nit di Siracusa e il personale del Ncis americano hanno riconosciuto sullo sfondo un particolare riconducibile alle Spiagge Bianche di Rosignano (Livorno), una località di mare piuttosto nota in Toscana, poi hanno individuato dalla scena un gadget dei “Gators”, gruppo sportivo dell’Università della Florida: è stato questo particolare ad orientare gli investigatori verso la base americana di Camp Darby. Il sergente si trova adesso nel carcere di Pisa. È stata invece allontanata dalla Toscana la bimba vittima delle violenze: ora si trova al sicuro in una struttura protetta di un’altra regione.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©