Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

ACCETTANO LAVORO VIA INTERNET, INDAGATI PER RICICLAGGIO


ACCETTANO LAVORO VIA INTERNET, INDAGATI PER RICICLAGGIO
28/12/2008, 15:12

Tre impiegati, uno della provincia di Imperia e due di quella di Savona, sono stati indagati con l'accusa di riciclaggio dalla polizia postale di Imperia, per aver ''affittato'' il loro conto corrente postale a organizzazioni malavitose, si presume dell'est europeo, che dietro mascherate offerte di lavoro per societa' di intermediazione finanziaria avrebbero chiesto il contributo di privati per versare sui loro conti correnti bancari migliaia di euro, che gli stessi avrebbero poi prelevato e rispedito attraverso 'money gram'. E’ un sistema di riciclaggio piuttosto noto, con il quale vengono “ripuliti” soldi ottenuti con truffe informatiche o phising. I tre indagati, forse in buona fede, avrebbero risposto affermativamente alle offerte di lavoro su internet o trovate nella casella di posta elettronica con le quali le società, lamentando problemi di cambio di valuta, offrivano la possibilita' a clienti privati di guadagnare dal 10 al 20% su ciascuna cifra versata sul loro conto corrente bancario. Un sistema che, in cambio di una piccola percentuale, permette ai truffatori di non lasciare traccia e di riciclare il denaro da poi utilizzare. Sono molte le truffe via internet di questo genere registrate negli ultimi anni, perpetrate grazie all’aiuto di complici spesso inconsapevoli.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©