Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Acerra, protocollo d’intesa per la sperimentazione del rilascio automatico delle certificazioni di anagrafe


Acerra, protocollo d’intesa per la sperimentazione del rilascio automatico delle certificazioni di anagrafe
12/12/2011, 14:12

Il Prefetto di Napoli, Andrea De Martino, ed il Commissario Straordinario del Comune di Acerra, Marcello Fulvi hanno sottoscritto stamattina in prefettura un protocollo d’intesa per la sperimentazione del rilascio automatico delle certificazioni di anagrafe e di stato civile mediante l’uso del “Timbro Digitale ”.
Richiedere e ottenere un certificato di residenza o di matrimonio da casa, via internet ad Acerra presto non sarà più un sogno. Grazie al timbro digitale, messo a disposizione dei cittadini residenti nel comune campano, il documento stampato varrà come quello firmato dall'impiegato allo sportello. Ma non solo, lo stesso documento sarà disponibile in formato elettronico, firmato digitalmente dall’ufficiale d’anagrafe, per essere trasmesso dal cittadino via posta elettronica certificata per gli usi consentiti dalla legge, eliminando in tal caso qualsiasi passaggio su carta.
“L’iniziativa” , ha evidenziato il prefetto De Martino, “ favorisce la semplificazione e l’ ottimizzazione dei rapporti con tutti gli utenti dei servizi pubblici, cittadini ed imprese, in quanto consente la riduzione dei tempi di attesa allo sportello e insieme dei costi di produzione dei certificati da parte del Comune in linea con le esigenze di efficienza della pubblica amministrazione e di riduzione della spesa pubblica”.
Sarà possibile scaricare on line 11 tipi diversi di certificazioni diverse, previa richiesta all’ente di idonee credenziali di accesso (utente e password), che garantiranno la riservatezza del documento e l’accesso personale dell’interessato.
Il documento stampato presenta nella parte inferiore una serie di puntini non intellegibili, cioè una striscia rettangolare (il timbro) in cui sono contenuti tutti i dati richiesti, sottoscritti con firma digitale certificata ed accreditata; il timbro viene decodificato mediante apposito software scaricabile gratuitamente dal sito del comune.
“Con questo progetto”, sottolineano il prefetto Fulvi Commissario dell’Ente e il Dirigente dei Servizi Informatici Ascoli “il Comune di Acerra intende proseguire nel percorso d’innovazione avviato ormai da alcuni anni e ulteriormente valorizzato dall’attuale amministrazione commissariale, fornendo un servizio semplice ma fondamentale per l’Ente ed i suoi cittadini, come l’emissione dei certificati, sfruttando la tecnologia web ormai alla portata di tutti. Ci auguriamo che questa sperimentazione possa avere ad Acerra lo stesso successo che ha riportato in altri comuni italiani, anche molto grandi, dove analoghi servizi sono già forniti da un paio d’anni, così da fungere da volano per l’innovazione, nell’ottica di una pubblica amministrazione sempre più al passo coi tempi.” A partire da gennaio 2012 i cittadini di Acerra potranno, quindi, richiedere le credenziali per l’accesso al nuovo sistema o recarsi direttamente presso gli uffici anagrafici comunali. Per usufruire del servizio dovranno collegarsi al portale www.comune.acerra.na.it e seguire le istruzioni a video. Il tutto rimanendo a casa propria. I certificati saranno firmati in maniera automatica dal Sindaco in qualità di Ufficiale di Anagrafe, mediante la firma digitale, dalla quale viene poi generato il timbro digitale. L’autenticità del documento stampato potrà essere verificata in qualsiasi momento, semplicemente controllando il contenuto del timbro digitale mediante l’apposito software scaricabile gratuitamente dal portale web dell’Ente.
Con la sottoscrizione del protocollo prende avvio una fase di sperimentazione le cui risultanze saranno seguite e valutate dalla prefettura al fine di contribuire alla definizione di un processo amministrativo fruibile anche da altre realtà territoriali.
Per favorire la diffusione di progetti analoghi e la condivisione dell’obiettivo dell’innovazione e della modernizzazione della pubblica amministrazione sono stati invitati ad intervenire i Sindaci dei Comuni con popolazione superiore ai 30 mila abitanti, l’Anci Campania, le organizzazioni sindacali e le associazioni di consumatori. Sono intervenuti il dott. Domenico Giorgiano Sindaco di San Giorgio a Cremano, il dott. Porcelli Sindaco del Comune di Mugnano di Napoli; in rappresentanza dell’ANCI Campania e del Comune di Portici l’assessore Duraccio, e per l’U.G.L il dott. De Miranda.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©