Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Acerra, pulizia periferie e controlli contro sacchetto selvaggio


Acerra, pulizia periferie e controlli contro sacchetto selvaggio
05/02/2013, 16:48

Pulizia delle aree periferiche della città di Acerra dai rifiuti indebitamente sversati sul territorio e scrupolosi accertamenti nei “sacchetti dei rifiuti” per controllarne il contenuto e verificare gli autori dell’indebito sversamento: prosegue l’intervento straordinario per la rimozione dei rifiuti nelle zone periferiche di Acerra. Durante queste operazioni, inoltre, si è provveduto a controllare i rifiuti sversati per prevenzione e repressione dei comportamenti illegittimi, individuando numerosi trasgressori.

Nella giornata di oggi è stata portata avanti la pulizia della zona di Via Volturno ad Acerra e dell’area che confina con il Comune di Caivano, venerdì scorso invece è stata ripulita (con relativo controllo dei sacchetti) l’area del comune di Acerra che insiste nella zona della “Montefibre” e l’area di Via Mulino Vecchio. Nelle scorse settimane erano state ripulite le altre zone periferiche a cominciare dallo svincolo autostradale della Zona industriale, dall’area di via Fondola e dalla zona Asi, comprese alcune rampe d’accesso alla superstrada e all’autostrada. Per garantire maggiore efficienza nella raccolta di questi rifiuti e non innalzare il livello di rifiuti che finiscono in discarica, si sta procedendo anche a differenziare la raccolta sul posto. Numerosi gli illeciti accertati per i quali si sta provvedendo all’identificazione dei trasgressori. Da parte del sindaco di Acerra Raffaele Lettieri e dell’assessore all’ambiente del Comune di Acerra, Vincenzo Angelico, è stato sottolineato lo sforzo ingente che l’Amministrazione sta facendo per tenere pulite periferie e centro cittadino, e c’è stata una nuova esortazione ai cittadini perché possano essere “guardiani” del proprio territorio segnalando eventuali trasgressori che proseguono nel comportamento dello sversamento del sacchetto selvaggio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©