Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Ma non tutti sono d'accordo

Ad Harvard si apre un club per sadomasochisti


Ad Harvard si apre un club per sadomasochisti
06/12/2012, 20:04

L'Università di Harvard è una delle più famose al mondo; non è difficile trovare là figli di miliardari e di petrolieri, di sceicchi arabi o di magnati russi. E, come in tutte le università statunitensi, crescono e fioriscono club e associazioni che radunano persone che hanno interessi comuni. 
Ma oggi c'è una novità: insieme al Club della Matematica e al Club della musica classica, ci sarà il "Munch Club". Dove il termine Munch (derivato dalla fusione di meeting, incontro, e lunch, pranzo) indica le persone che amano il sesso estremo. Perchè il club si occpa proprio di questo:  bondage, sadomasochismo e quant'altro. 
Nasce dall'idea di un gruppo che si vedeva alla mensa per discuterne e che poi si è ampliato, fino a raggiungere un cospicuo numero di aderenti, tanto da decidere la fondazione del Club. Un primo tentativo è stato fatto sei mesi fa, ma è stato respinto per problemi burocratici. Oggi invece è realtà. Ma sia ben chiaro, sarà un club dove nessuno toccherà o si farà toccare; si discuterà solo, parlando delle tecniche migliori o delle proprie esperienze. 
Ma non tutti hanno avuto la mentalità abbastanza aperta da accettare certe situazioni. E così ci sono stati malumori e proteste per un CLub considerato degradante per il prestigio dell'università.
Ma non è la prima volta che succede: nel 2003 nella Iowa University c'era un gruppo chiamato "manette", dove si parlava di bondage, mentre l'Università di Victoria organizzò un seminario speciale per insegnare come usare le corde in certe situazioni in tutta sicurezza 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©