Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'attore si è spento a New York all'età di 81 anni

Addio a Ben Gazzara, il "camorrista" di Tornatore

Recitò con Totò e Anna Magnani in "Risate di gioia"

Addio a Ben Gazzara, il 'camorrista' di Tornatore
04/02/2012, 09:02

NEW YORK - Si è spento ieri a New York, all'età di 81 anni, l'attore americano Ben Gazzara, divenuto noto in Italia per aver interpretato il ruolo del personaggio ispirato al boss mafioso Raffaele Cutolo, detto 'O professore 'e Vesuviano, nel film "Il Camorrista", che nel 1986 segnò l'esordio alla regia di Giuseppe Tornatore.

Nato a New Yord il 28 agosto 1930, Ben Gazzara, all'anagrafe Biagio Anthony Gazzara, era figlio di immigrati siciliani di origine canicattinese. Negli anni Cinquanta iniziò a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo collaborando ad alcune produzioni teatrali in scena a Broadway, la più famosa delle quali fu "La gatta sul tetto che scotta" di Tennessee Williams. Poco più tardi, nel 1957, debuttò anche sul grande schermo con "Un uomo sbagliato", diretto da Jack Garfein. Seguirono, poi, diverse interpretazioni in numerose pellicole, tra le quali "Anatomia di un omicidio" di Otto Preminger e "Risate di gioia" di Mario Monicelli, con Totò a Anna Magnani. Ma fu durante la collaborazione con il regista e amico John Cassavetes negli anni Settanta che Gazzara diede il meglio di sè, recitando in film come "Mariti" e "L'assassinio di un allibratore cinese". L'attore ha continuato a lavorare fino alla fine, collaborando negli ultimi decenni con autori quali i fratelli Coen, Spike Lee, Vincent Gallo, John Turturro, e partecipando non solo a pellicole di prestigio, ma anche a produzioni televisive, sia americane che straniere (tra queste ultime c'è anche la serie televisiva italiana "L'onore e il rispetto", in cui Gazzara ha vestito i panni di Fred Di Venanzio).

La notizia della scomparsa dell'attore è stata data da Suzanne Mados, un'amica di famiglia, che ha spiegato che Gazzara era da tempo malato di cancro al pancreas. L'attore si sarebbe spento in seguito ad un ricovero in una struttura specializzata.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©