Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si è spento all'età di 88 anni per cause naturali

Addio ad Alberto Granado, il compagno di viaggio del Che


Addio ad Alberto Granado, il compagno di viaggio del Che
06/03/2011, 12:03

L'AVANA (CUBA)- E' venuto a mancare ieri mattina nella sua abitazione a L'Avana, all'età di 88 anni, Alberto Granado, il compagno di viaggio di Ernesto Guevara che accompagnò il Che nella celeberrima avventura in America Latina, in seguito divenuta un vero e proprio mito.
Nato nel 1922 a Cordoba, in Argentina, Alberto Granado Jimènez conseguì la laurea in Farmacologia e Scienze naturali. Negli anni Cinquanta Granado conobbe Ernesto Guevara, con il quale nel 1952 partì alla scoperta dell'America Latina in sella ad una Norton del 1939, ribattezzata "la poderosa". Avevano rispettivamente 30 e 23 anni. Volevano conoscere il mondo, volevano avere un contatto con i popoli. "Volevamo cambiare il mondo", ha spiegato lo stesso Granado in numerose interviste rilasciate anche in italia, "ma poi ci siamo resi conto che il mondo è grande e quello che volevamo fare era un po' troppo. E siamo rimasti in America Latina". Dopo il viaggio con il Che rimase in Venezuela, dove conobbe Delia, la donna che poi sarebbe diventata sua moglie. In seguito si trasferì a Cuba, nel 1961, dove fondò la Scuola medica di Santiago.
Gioviale e dissacrante alter ego del Che, il "gitano sedentario", dedito alla ricerca scientifica e alla medicina, viveva in tutta tranquillità in una casa nel quartiere di Miramar, a L'Avana, con la moglie. Di lui resta il ritratto cinematografico tracciato nel film di Walter Salles, "I diari della motocicletta", vincitore del premio Oscar nel 2005, oltre che nel documentario di Gianni Minà "In viaggio con il Che" e nell'autobiografia "Un gitano sedentario".
La camera ardente è stata allestita nell quartiere del Vedado a l'Avana, dove centinaia di persone si sono recate per porgergli l'ultimo omaggio. Le sue ceneri, in ossequio alle sue volontà, verranno sparse tra Cuba, Venezuela e Argentina.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©