Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Addio al nubilato: come si festeggia l'ultima notte da single? Il 25% sogna la sorpresa


Addio al nubilato: come si festeggia l'ultima notte da single? Il 25% sogna la sorpresa
03/07/2012, 12:07

Balli in spiaggia, weekend di pura follia, limousine cariche di ragazze e festa per tutta la notte. E per fortuna che l’addio al nubilato nasce per regalare alla futura sposa un momento di relax dallo stress dei preparativi per il matrimonio. Una cosa è certa: onorare il momento che segna il passaggio tra la vita prima e dopo il fatidico “si” sembra essere ormai inevitabile.

L’usanza arriva, come spesso accade, dagli Stati Uniti: ma come viene recepita nel nostro paese? Le italiane come preferiscono festeggiare la loro ultima notte da single? A rivelarlo è un sondaggio condotto dall’Osservatorio Just Dance di Ubisoft, iniziativa che studia tendenze e novità legate alla sfera dell’entertainment e del tempo libero.

Potendo scegliere, al 25% delle promesse spose piacerebbe che la festa di cui sono protagoniste fosse una sorpresa senza anticipazioni di nessun genere: tutto sta nell’avere amiche che possano garantire la massima discrezione. Un 18% apertamente festaiolo vorrebbe farsi scarrozzare da una limousine per i locali più trendy della città fino all’alba. Quando le ricapiterà più? Il weekend al mare conquista il 17% delle intervistate: quale miglior occasione per passare un paio di giorni tra aperitivi in spiaggia e VIP watching a Milano Marittima? Quasi in disuso lo striptease maschile, sognato solo da un 4% che probabilmente non vanta uno sposo particolarmente prestante. Relax, esalazioni profumate e massaggi per un esageratamente tranquillo 11% che sceglierebbe una giornata in hammam.

E sebbene il 54% alla domanda “come hai festeggiato il tuo addio al nubilato” abbia risposto di non essersi (ancora) sposata, il 13% di chi ha già fatto il grande passo non si è fatta mancare nulla: aperitivo, ristorante e discoteca fino a chiusura. Sicuramente le amiche sono riuscite nell’intento: far rimpiangere con allegria le occasioni che avrebbero perso in futuro! L’8% ha dovuto semplicemente preparare la valigia: a organizzare un indimenticabile fine settimana ci hanno pensato le amiche più strette. Le “indipendent women” (5%) non amano questo genere di “feste comandate” e dichiarano che non servono motivazioni per uscire con le amiche, né prima né dopo il matrimonio. Stessa percentuale per chi non ricorda nulla della festa, se non un terribile mal di testa del giorno dopo!

Volendo monetizzare, il 37% ritiene di aver investito meno di 100€ a testa, inclusi i costi della futura moglie che vengono ripartiti tra leinvitate, mentre non manca chi, in occasioni come queste, – che ci si augura siano uniche, almeno per la sposa – non bada a spese (19%).

E se a pensare a tutti i dettagli ci pensa, nella maggior parte dei casi (26%), la migliore amica della festeggiata, il 25% delle rispondenti ammette di essersi fatta aiutare dalle altre ragazze del gruppo, optando per qualcosa che potesse essere unico e irripetibile, mettendo al centro gusti e preferenze della sposa (20%).

Che sia in discoteca, in spiaggia o in hammam le giovani spose vogliano che quella serata che le traghetterà verso una nuova vita a due sia indimenticabile. Una cosa è certa: ciò che succede all’addio al nubilato, resta coperto da segreto istruttorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©