Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si fingeva perseguitata dagli strozzini

Adescava uomini in chat per spillare denaro

Era riuscita ad estorcere ben 150mila euro

Adescava uomini in chat per spillare denaro
03/11/2011, 21:11

Verona -  Antonella Accardi ,21 anni, siciliana residente a Verona, arrestata per truffa e estorsione con il suo complice, un ragazzo romeno di 24 anni, Andrei Aschiopoaie, che presentava come suo fratello, ma che in realtà era il compagno.
Adescava le sue prede in chat,fingendosi  in cerca di aiuto in balia degli strozzini.
La donna prima li contattava ,poi li incontrava ed iniziava il meccanismo per spillare soldi.
L’Accardi  era riuscita a farsi consegnare da un giovane uomo, un impiegato ventinovenne di Grosseto, reduce da una una delusione d'amore, ben 150 mila euro.  
Il piano si è sviluppanto grazie ad una frequentazione on-line quotidiana e assidua che poi si è trasformata in incontri sporadici a Grosseto,nei quali il giovane le consegnava di volta in volta un maggior numero di denaro . Il tutto si è protratto fino a quando la donna non ha esagerato spaventando l’impiegato, dicendogli che se non avesse continuato a pagare gli strozzini-fantasma avrebbero raggiunto anche lui. A quel punto il giovane ha denunciato i fatti.
Dalle indagini del reparto operativo dei Carabinieri di Grosseto, comandato dal colonnello Filippo Viola, è emerso che Antonella Accardi e il suo compagno-fratello avevano più di 60 contatti solo nella provincia.
I due sono attualmente in carcere ,a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip di Verona.

Commenta Stampa
di Broegg Anna Carla
Riproduzione riservata ©