Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Adiconsum lancia iniziativa "Segnala lo sforamento dei tetti di spesa" su Facebook


Adiconsum lancia iniziativa 'Segnala lo sforamento dei tetti di spesa' su Facebook
10/09/2012, 14:31

SCUOLA

Corredo scolastico: indagine Adiconsum-Klikkapromo
se griffato, a partire da 110 euro usufruendo degli sconti della GDO;
ulteriori riduzioni se non griffato

Torino città più cara, Napoli la più conveniente

 

Libri di testo: verificare che non superino i tetti di spesa del Ministero dell’Istruzione

Adiconsum lancia: “Segnala lo sforamento dei tetti di spesa”

Segnalazioni alle sedi Adiconsum
e al gruppo Facebook  “Adiconsum Scuola”

 

1 zaino, 1 diario, 1 astuccio a 3 zip, più 10 matite, +10 penne a sfera, +24 matite colorate, +24 pennarelli, +4 evidenziatori, +4 gomme e 20 quaderni costano:

 

·       a Napoli:         108,65

·       a Firenze:        108,82

·       a Roma:          109.14

·       a Milano:         111,42

·       a Torino:         112,83

Lo ha appurato un’indagine condotta da Adiconsum in collaborazione con Klikkapromo il motore di ricerca delle offerte nei supermercati.

L’acquisto del corredo scolastico e dei libri di testo nella Grande distribuzione organizzata – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsumpuò permettere un risparmio per le famiglie alle prese con il rientro a scuola.

Adiconsum – prosegue Giordanoha lanciato tramite il suo gruppo Facebook “Adiconsum Scuola” l’iniziativa “Segnala lo sforamento dei tetti di spesa”. Il Ministero dell’Istruzione, infatti, pubblica ogni anno, per ogni classe ed ogni scuola secondaria di I e II grado i tetti di spesa dei testi scolastici, che gli Istituti sono tenuti a non superare. Invitiamo, pertanto, le famiglie a verificare se la scuola del proprio figlio rispetta tale tetto e a segnalare l’eventuale mancanza, sia alle nostre sedi territoriali che al nostro gruppo Facebook “Adiconsum Scuola”.

 

 

Ecco alcuni consigli per risparmiare:

-        acquistare i libri di testo a lista docenti confermata, in quanto il professore che subentra all’inizio dell’anno scolastico ha facoltà di adottare nuovi libri;

-        verificare se vi sono testi obbligatori all’interno dell’elenco dei libri “consigliati”;

-        se si è in possesso di un reddito ISEE basso, attendere la circolare della scuola con la specifica del tetto di ISEE al di sotto del quale è possibile ottenere il buono per l’acquisto dei libri e del corredo scolastico;

-        acquistare i testi presso i grandi magazzini (di solito c’è un risparmio del 10%, prenotando per tempo)

-        rivolgersi al mercato dell’usato verificando l’edizione e la presenza dei supporti informatici al anche se questa scelta non permette di verificare lo stato dei libri né la dotazione dei supporti oppure sui siti online specificando queste due condizioni nella richiesta.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati