Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Adisu Parthenope, scandalo si allarga su beni e servizi -video


.

Adisu Parthenope, scandalo si allarga su beni e servizi -video
18/11/2013, 14:48

Potrebbe allargarsi ai contratti di forniture di beni e servizi l'inchiesta sull'Adisu Parthenope (l'Ente che si occupa del diritto allo studio dell'università ex Navale) condotta dalla guardia di finanza sotto il coordinamento dei pm della sezione “Reati contro la Pubblica amministrazione” della Procura di Napoli. Consulenze d'oro.
Il filone principale riguarda presunte consulenze d'oro affidate a numerosi professionisti nell'ultimo biennio. Tre milioni di euro per prestazioni d'opera (perizie, pareri, studi) ritenute in parte superflue o, comunque, qualitativamente scadenti. Lavori, insomma, che sarebbero stati pagati troppo per quello che valgono. A far scattare l'inchiesta la segnalazione della Corte dei Conti della Campania che ha riscontrato alcune anomalie nei costi di gestione della struttura. La magistratura inquirente indaga per abuso d'ufficio e truffa. Finora, gli indagati sono due: il presidente del CdA dell'Adisu Maurizio Zuccaro e il direttore generale Francesco Dentice. Zuccaro è stato per anni segretario cittadino del Nuovo Psi ed è considerato uomo vicinissimo al governatore Stefano Caldoro e al di lui uomo-ombra Gennaro Salvatore. Di professione avvocato, Zuccaro è stato candidato nel 2006 alle amministrative di Napoli raccogliendo il non entusiasmante bottino di 669 voti. Nel luglio del 2000, aveva conquistato un po' di titoli di giornale organizzando, insieme ad altri giovani legali, l'Heter Pride a Napoli in contrapposizione al Gay Pride di Roma. Una manifestazione che vedeva, tra le proprie proposte, a metà strada tra la goliardia e la provocazione, la presentazione di una lista civica alle prossime elezioni, la distribuzione “coatta” di pasticche di Viagra per risvegliare il desiderio e combattere l'impotenza, l'assegnazione dell'uno per mille da destinare a iniziative in difesa dell'eterosessualità. “Le prime a pagare le conseguenze di questa ghettizzazione degli etero – aveva osservato Zuccaro - sono proprio le donne: se le vedete vestite d'estate in maniera così provocante, ciò è dovuto proprio al fenomeno della caduta del desiderio da parte degli uomini”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©