Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Incidente avvenuto stamane all’aeroporto di Vnukovo

Aeroporto di Mosca: Tupolev fuori pista. Quattro morti


Aeroporto di Mosca: Tupolev fuori pista. Quattro morti
30/12/2012, 14:04

MOSCA – E’ di 4 morti e 4 feriti gravi il bilancio dell'incidente aereo avvenuto stamane all'aeroporto moscovita di Vnukovo. A causare il grave incidente un Tupolev 204 della compagnia aerea russa Red Wings che – suito dopo l’atterraggio - è finito fuori pista, spezzandosi in tre tronconi e prendendo fuoco. L’aereo ha travolto le recinzioni dello scalo,  fermandosi a ridosso dell'autostrada che collega Mosca a Kiev. La cabina di pilotaggio si è parzialmente staccata dalla fusoliera ed é finita oltre il muro di recinzione; divelta anche la coda del velivolo. A bordo dell'aereo, proveniente dalla Repubblica Ceca, c'erano solo otto membri di equipaggio.
Le autorità locali hanno aperto un’inchiesta per chiarire le cause dell’incidente che, al momento, restano ancora sconosciute. Secondo indiscrezioni diffuse dalle agenzie russe, diverse le ipotesi: dall’errore umano, al guasto tecnico, fino alle avverse condizioni meteo. Al momento della catastrofe soffiavano venti violenti e c’era una tempesta di neve.
L’autorità della sicurezza aerea Rossaviatsia ha riferito di avere inviato nei giorni scorsi una lettera alla compagnia che produce i Tupolev su eventuali problemi al sistema di frenaggio dei velivoli. Tuttavia il miliardario russo, Alexander Lebedev, proprietario della Red Wings, ha precisato via Twitter che l’aereo che oggi si è schiantato era nuovo e prodotto nel 2008.
La scia degli incidenti aerei in Russia è lunga e spesso hanno riguardato questo tipo di aeromobile. Lo scorso aprile un Atr 72 della compagnia russa Utair prese fuoco subito dopo il decollo in Siberia facendo 33 morti. Il 7 settembre 2011 furono invece 44 le vittime di un altro grave incidente, quando uno Yak-42 si schiantò dopo il decollo a Iaroslavl. Tra le vittime i giocatori della squadra locale di hockey.
Il Tupolev è un velivolo che, dalla sua entrata in servizio per l’Aeroflot nel 1971, ha registrato molti incidenti e vittime e che tre anni fa - era l’aprile 2010 - è stato protagonista anche della tragedia in cui perse la vita il presidente polacco, Lech Kaczynski, e altre 95 persone.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©