Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aeroporto, vanno i voli charter


.

Aeroporto, vanno i voli charter
14/08/2012, 14:14

SALERNO - Circa 1.700 passeggeri. E’ questa la cifra raggiunta dall’aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi nei 31 giorni di luglio. I dati, riportati dall’associazione Fly Salerno, riguardano essenzialmente il traffico di linea, attivato da Sky Bridge Air Ops e Air Dolomiti, e i voli charter che collegano Salerno a Bratislava. E’ proprio questo settore ad aver dato i risultati migliori: sono, infatti, 1.023 i turisti arrivati sul territorio salernitano con specifici pacchetti vacanza che includevano l’atterraggio al Costa d’Amalfi, secondo quanto riportato dal quotidiano La Città di Salerno. Decisamente distaccati, ma comunque di buon livello, sono stati i risultati di due rotte, una prettamente turistica ed una a vocazione “business”. Si tratta dei 187 passeggeri registrati sul collegamento Salerno-Olbia attivato da Sky Bridge Air Ops e dei 184 viaggiatori della tratta Salerno-Verona a marchio Air Dolomiti. In netta ripresa anche il collegamento con Milano Malpensa, sempre di Sky Bridge che, però, a differenza degli altri collegamenti a cadenza settimanale, ha voli attivi tre giorni a settimana per due rotazioni al giorno. A luglio i passeggeri sono stati 124, segno che il ribasso della tariffa a 90 euro a viaggio (rispetto ai 144 euro che si pagavano nei mesi scorsi), ha dato i primi frutti. E le previsioni per settembre, durante il quale i viaggi di lavoro dovrebbero esserepiù frequenti, sono incoraggianti. Chiude al penultimo posto l’unico collegamento internazionale del Costa d’Amalfi, ovvero quello con Monaco di Baviera, attivato dalla Air Dolomiti, che ha registrato a luglio 124 passeggeri. Fanalino di coda, con cifre non rassicuranti, il volo Sky Bridge per Catania, che ha avuto appena 52 passeggeri. Un dato, quest’ultimo, che non premia la scelta della città siciliana come collegamento vacanziero estivo con Salerno. Una prima analisi dei dati del traffico aereo del Costa d’Amalfi è stata fatta da Antonio Fasolino, presidente della società consortile aeroportuoale. «La tratta Salerno-Olbia è remunerativa, nel senso che quando si indovinano le rotte, alla fine sono le stesse rotte a far guadagnare l’aeroporto. Su Milano e Catania stiamo al 60 per cento di riempimento, mentre Verona e Monaco sfiorano il 70 per cento. Bene i charter con Bratislava, sempre pieni, e benissimo l’aviazione generale». I risultati di luglio, come sottolineato dallo stesso Fasolino, rappresentano un dato positivo soprattutto in vista programmazione della cosiddetta stagione “winter”, ovvero quella invernale, che inizierà a ottobre. «Accanto ad alcune destinazioni che saranno confermate e possibilmente potenziate – ha concluso Fasolino – ce ne saranno delle nuove da inserire nel programma dei voli». (Redazione di Salerno)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©