Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Probabile rivendicazione della morte di bin Laden

Afghanistan: elicottero Usa abbattuto? Fu agguato talebano

A riferirlo sono fonti governative di Kabul

Afghanistan: elicottero Usa abbattuto? Fu agguato talebano
08/08/2011, 11:08

KABUL - L’abbattimento del Chinook statunitense, precipitato due giorni fa in Afghanistan con la conseguente morte di 38 persone, non è stato dovuto a un confronto armato casuale, ma ad un vero e proprio agguato. A riferirlo sono state, in via riservata, fonti governative a Kabul, sulla base delle indagini ordinate dal presidente Hamid Karzai. “Ormai è confermato che l’elicottero è stato colpito e fatto precipitare”, hanno spiegato le fonti, “e che si è trattato di una trappola predisposta da un comandante dei Talebani”. Costui sarebbe stato identificato come Qari Tahir; nel preparare l’imboscata si sarebbe fatto aiutare da quattro complici, tutti cittadini pakistani. Per attirare nella trappola il velivolo, hanno proseguito le fonti, Tahir avrebbe fatto in modo che i soldati Usa venissero erroneamente a sapere che nel luogo prestabilito era in corso una riunione di ex studenti coranici. Le autorità afghane, hanno aggiunto le fonti anonime, “ritengono che sia stato un attacco di ritorsione per l’uccisione di Osama bin Laden”. Nel rivendicare l’abbattimento, in realtà, i Talebani non hanno fatto alcun cenno in proposito: ma non appare in effetti casuale la circostanza per cui gran parte dei Navy Seals morti nell’occasione appartenessero proprio al “Team Six”, vale a dire alla stessa unità da cui provenivano le forze scelte che il 2 maggio scorso eliminarono il fondatore di Al-Qaeda con un blitz nel suo covo di Abbottabad, in Pakistan.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©