Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Lo scoppio di un led ha colpito il loro mezzo Lince

Afghanistan: feriti due paracadutisti italiani. Sono salvi

Entrambi sono ricoverati all’ospedale militare di Farah

Afghanistan: feriti due paracadutisti italiani. Sono salvi
30/08/2011, 11:08

AFGHANISTAN – Questa mattina due paracadutisti italiani sono rimasti feriti in Afghanistan dallo scoppio di un Ied, un dispositivo esplosivo improvvisato, che ha coinvolto il mezzo Lince sul quale viaggiavano nelle vicinanze della Base italiana di ‘Camp Snow’.
Siamo nella zona di Herat, nei pressi della base italiana operante in Afghanistan: i due militari italiani, come fa sapere l’Isaf, stavano svolgendo un’attività di ricognizione e di affiancamento con i colleghi del ‘Reggimento San Marco’, che a breve sostituirà il 186 ‘Reggimento di Paracadutisti della Folgore’ nella Zona sud-est di responsabilità del contingente italiano. Proprio qui entrambi sono stati colpiti dallo scoppio improvviso di un ordigno led che ha colpito il mezzo Lince sul quale stavano viaggiando.
Per fortuna, secondo quanto una nota del ministero della Difesa ha riferito, i due paracadutisti non sono in pericolo di vita ed entrambi attualmente sono ricoverati presso l’ospedale militare di Farah. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa, prontamente informato dell’accaduto, ha espresso sentimenti di vicinanza ai due militari feriti in Afghanistan, augurando loro una pronta e completa guarigione. Messaggio di solidarietà al quale si uniscono tutte le parti politiche del paese.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©