Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aggiotaggio, Lotito condannato a due anni di reclusione


Aggiotaggio, Lotito condannato a due anni di reclusione
03/03/2009, 20:03

Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, è stato condannato a Milano a due anni di reclusione e l' imprenditore Roberto Mezzaroma a un anno e 8 mesi. I due erano accusati di aggiotaggio manipolativo e informativo e di ostacolo all'attività agli organi di vigilanza.

I giudici della seconda sezione penale del tribunale hanno inoltre condannato Lotito e Mezzaroma a una multa rispettivamente di 65 mila e 55 mila euro e tutti e due all'interdizione dai pubblici uffici per un anno. Il pm Laura Pedio aveva chiesto al collegio di condannare il presidente della Lazio a 1 anno e 8 mesi e 20 mila euro di multa e l'imprenditore romano a 1 anno e 4 mesi e 20 mila euro di multa. Le accuse mosse dalla Procura riguardano il titolo della società calcistica romana.
Secondo la ricostruzione del pm tra Lotito e Mezzaroma c'era stato un accordo "interpositorio" che il 30 giugno 2005 aveva portato l'imprenditore ad acquistare il 14,61% di azioni della Lazio per conto di Lotito in modo tale che quest'ultimo non apparisse titolare del pacchetto in base al quale doveva lanciare l'Opa in quanto "sforato" il 30%. In questo modo avrebbero ingannato il mercato portando così ad una alterazione del prezzo del titolo.
I difensori dei due, gli avvocati Gian Michele Gentile e Matteo Uslenghi dopo la lettura del dispositivo hanno dichiarato: "Siamo meravigliati e confidiamo che la corte d'Appello voglia restituire il processo al giudice naturale che è a Roma e riconosca l'inesistenza delle accuse contestate". Le difese poco prima che i giudici si ritirassero in camera di consiglio avevano di nuovo chiesto il trasferimento del processo nella Capitale. Tale istanza era già stata respinta dal tribunale l'anno scorso.
 

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©