Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Ancora sangue nell'hinterland a nord di Napoli

Agguato a Casandrino, ucciso un 31enne -video

Sesto morto in poco più di un mese

.

Agguato a Casandrino, ucciso un 31enne -video
15/03/2014, 11:01

NAPOLI - Saranno le indagini a stabilire se anche l'agguato di ieri sera a Casandrino, è collegato con gli altri omicidi e con gli altri corpi ritrovati senza vita nell'area a nord di Napoli. Intanto il dato certo è questo: in poco più di un mese sono stati sei gli omicidi. Nella serata di ieri a cadere sotto i colpi dei killer è stato Andrea Castello, 31 anni, pregiudicato di Marano, che secondo le ricostruzioni degli investigatori pare che sia stato portato in via Lavinaia a bordo di un'automobile. Poi, lì è stato giustiziato. Lo confermerebbe la posizione del cadavere: inginocchiato e con il volto rivolto verso un muretto. Quattro i colpi: due alla testa, uno all'addome ed uno al fianco. Ritrovati quattro bossoli a terra e anche una ogiva. L'uomo aveva precedenti per rapina e stupefacenti. I carabinieri di Castello di Cisterna che seguono le indagini hanno notato subito la modalità diversa dell'omicidio, perché negli altri cinque casi i corpi sono stati ritrovati carbonizzati. Una scia di omicidi, quella che sta insanguinando l'area a nord di Napoli, che è stata oggetto di analisi anche da parte della Commissione parlamentare antimafia, venuta a Napoli pochi giorni fa. Si tratterebbe di una serie di delitti da inquadrarsi in un 'scontro' tra le nuove leve e i vecchi capi dei clan. 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©

Correlati