Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'uomo assassinato a Casalotti aveva 36 anni

Agguato a Roma: vittima bloccata in finto posto di blocco


Agguato a Roma: vittima bloccata in finto posto di blocco
12/02/2013, 17:49

ROMA - Per uccidere Antonio Bocchino, romano di 36 anni, gli assassini hanno organizzato un finto posto di blocco intimando l'alt alla sua autovettura. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine per reati riguardanti gli stupefacenti, si è fermato all'alt dei finti poliziotti ed appena sceso dall'auto è stato raggiunto da due colpi di pistola alla testa. L'agguato, in via Pantan Monastero, nella borgata Casalotti, è durato pochi minuti e ad agire sarebbero stati almeno in due. Antonio Bocchino, poco prima di morire, aveva accompagnato, sempre in auto, il figlio alla scuola materna, a pochi metri da dove è avvenuto l'agguato. Le indagini sono condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Via in Selci. Nel 2008 la vittima era rimasta coinvolta nelle indagini per l'omicidio di un albanese di 26 anni, avvenuto davanti al suo bar nella zona di Mostacciano. Per quell'episodio Bocchino venne poi assolto definitivamente.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©