Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Agguato ad Ercolano, feriti due dei 'Birra': uno è grave


Agguato ad Ercolano, feriti due dei 'Birra': uno è grave
29/01/2009, 17:01

Ancora sangue a Napoli, dove le pistole hanno ripreso a sparare. Anche questa volta, le forze dell’ordine sembrano non avere dubbi: si è trattato di una sentenza di morte, firmata dai ‘giudici’ della camorra e messa in atto dai sicari del clan. E’ accaduto in corso Resina, ad Ercolano, poco dopo le 13. Il commando di killer ha raggiunto il bar di fronte al Comune, poi c’è stata la sparatoria. Il bilancio è di due feriti gravi. Si tratta di Ivano Perrone, ventotto anni, e di Antonio Uliano, quarantatre: entrambi sono ritenuti vicini al clan camorristico dei Birra, circostanza che ha portato gli inquirenti a ipotizzare che si possa trattare di un regolamento di conti tra clan rivali, ipotesi molto più che verosimile vista l’escalation di violenza che si sta registrando sulla zona nei giorni scorsi. La dinamica non è ancora chiara, anche se le prime indiscrezioni descrivono il modus operandi tipico di un agguato di stampo camorristico: i sicari che arrivano a bordo di potenti motociclette e, prendendo l’obiettivo di sorpresa, gli sparano prima di dileguarsi lungo le strade circostanti. Anche stavolta, i sicari non si sono lasciati intimorire dal fatto che il sole fosse ancora alto: sicuramente conoscevano bene le strade e sapevano come scappare non appena fatto il ‘piezzo’, rifugiandosi in pochi secondi in un luogo sicuro. Il più grave dei due feriti è Perrone, raggiunto dai proiettili alla testa ed al torace. Trasportato all’ospedale Maresca di Torre del Greco, lotta tra la vita e la morte. Meno grave, invece, la situazione di Uliano, rimasto ferito ad una spalla. Momenti di forte tensione si sono verificati all’ospedale Maresca, dove poco dopo l’ambulanza sono arrivati anche i familiari dei due feriti.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©