Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Raggiunto dai sicari in via Mare; si indaga nel privato

Agguato ad Ercolano, trucidato 29enne incensurato


Agguato ad Ercolano, trucidato 29enne incensurato
13/11/2009, 18:11

ERCOLANO – Raggiunto dai sicari mentre era in automobile, crivellato di proiettili, poi finito con un ultimo colpo da distanza ravvicinata. E’ morto così Salvatore Barbaro, 29enne napoletano, incensurato. L’ennesimo raid dall’amaro sapore di camorra, con un gruppo di fuoco che non ha paura di agire tra la gente, lasciando dietro di sé l’acre odore della polvere da sparo prima di dileguarsi. E’ accaduto ad Ercolano, in via Mare, non lontano da Villa dei Papiri, poco prima delle 16 di oggi.
Barbato era a bordo della sua Suzuki Shift, a pochi passi dalla propria abitazione. Probabilmente lo stavano aspettando. Il ragazzo deve essersi accorto di quelle due persone in motocicletta che si stavano avvicinando e, con nella mente il copione di un film già visto, deve essersi reso conto di essere finito nel mirino. La motocicletta si è affiancata. E’ spuntata la pistola, diretta nell’abitacolo. Una decina di proiettili, che hanno centrato la vittima alla gola ed alla spalla sinistra.Ai primi colpi di pistola Barbaro ha provato a distanziare i killer con un’accelerata, ma è stato tutto inutile. La vettura, ormai senza controllo, è andata a schiantarsi contro un palo.
Malgrado il frastuono dei colpi di pistola e lo schianto dell’automobile, i killer non si sono dati immediatamente alla fuga. Si sono avvicinati alla vettura, dove c’era il corpo di Barbaro agonizzante. A quel punto, l’ultimo colpo di pistola.
Sul posto, poco dopo, sono intervenuti i carabinieri e i militari dell’esercito. Presente anche il pm Pierpaolo Filippelli. Le modalità dell’agguato ricalcano quelle di un raid camorristico, ma al momento gli inquirenti non escludono alcuna pista. Salvatore Barbato, infatti, era incensurato e non risulta vicino a nessun clan della zona. Non viene scartata l’ipotesi che l’omicidio si inquadri nella lunga e sanguinosa faida che è in corso da tempo ad Ercolano ma, allo stato attuale, si tratta soltanto di ipotesi che dovranno trovare riscontri per essere ritenute valide. Tra le versioni al vaglio degli inquirenti, quella che il giovane sia stato ucciso per motivi che non riguardano la criminalità organizzata.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©