Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Sgabellone, lista civica di maggioranza, aveva precedenti

Agguato nella Locride, ucciso consigliere comunale


Agguato nella Locride, ucciso consigliere comunale
30/10/2011, 19:10

REGGIO CALABRIA - Un agguato in piena regola su cui in queste ore indagano gli inquirenti e che ha come vittima un giovane consigliere comunale di un paese della Locride calabrese. Potrebbe essere un regolamento di conti quello in cui ha perso la vita il 31enne Vincenzo Sgabellone: i sicari gli hanno sparato contro una decina di colpi di pistola calibro 7.65, colpendolo più volte al torace. Il 31enne, consigliere comunale di maggioranza per una lista civica al Comune di Samo, piccolo centro di meno di mille abitanti nella Locride aveva precedenti penali per piccoli reati in materia di armi, è stato ucciso nella serata di ieri, ma il suo cadavere è stato trovato solo in mattinata dai familiari che, allarmanti per il suo mancato rientro a casa, erano andati a cercarlo. Quando hanno visto il corpo del congiunto riverso bocconi sul terreno hanno chiamato i carabinieri. Sgabellone era entrato nel Consiglio comunale di Samo in occasione delle elezioni amministrative del 2009, candidato con la lista civica “Pace, libertà e progresso”.

L'assassino, o gli assassini (su questo non ci sono certezze), è la convinzione dei carabinieri, gli ha teso un agguato. Probabilmente conosceva le abitudini di Sgabellone ed ha atteso che l'uomo arrivasse su un terreno di proprietà della famiglia per governare alcuni animali, in località Scorizzi, in piena campagna, per avvicinarsi e sparare da distanza ravvicinata, protetto dal buio e dalla zona isolata. Prima di andarsene, però, ha incendiato, provocandone la totale distruzione, l'auto della vittima, una Mitsubishi 1200, intestata al padre, Salvatore, di 54 anni, già noto alle forze dell'ordine. Adesso i carabinieri della Compagnia di Bianco e del Gruppo di Locri che conducono le indagini coordinate dal pm della Procura di Locri Antonio Cosentino, dovranno ricostruire la dinamica, ma soprattutto il movente che sta dietro all'omicidio del consigliere comunale. Un aiuto potrebbe venire dai rilievi effettuati nella zona dai militari della Sezione investigazioni scientifiche del Comando provinciale dei carabinieri di Reggio Calabria.

Anche una piccola traccia potrebbe essere determinante per l'individuazione dell'assassino. Al momento nessuna ipotesi viene esclusa. Le modalità dell'omicidio, il tipo di arma usata per il delitto ed il fatto che l'auto sia stata incendiata, inducono gli investigatori ad indagare anche nell'ambiente della criminalità organizzata della zona.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©