Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Agropoli, cittadinanza onoraria a Vitaliano Esposito


Agropoli, cittadinanza onoraria a Vitaliano Esposito
29/12/2009, 11:12


AGROPOLI - Avrà luogo domenica 3 gennaio alle ore 11.00, nell’Aula consiliare “A. Di Filippo” del Comune di Agropoli, la cerimonia ufficiale di conferimento della cittadinanza onoraria al procuratore generale della Corte di Cassazione Vitaliano Esposito. La giunta comunale di Agropoli, infatti, con una recente deliberazione ha conferito il riconoscimento al suo illustre concittadino, già pretore della cittadina cilentana. A darne l’annuncio è il sindaco di Agropoli Franco Alfieri che ha proposto e voluto fortemente tale iniziativa. «Interpretando – annuncia il primo cittadino agropolese - i sentimenti dell’intera comunità, l’amministrazione ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria di Agropoli a Vitaliano Esposito».
«E’ vanto della nostra città – spiega il sindaco Franco Alfieri - poter annoverare Vitaliano Esposito, primo pretore di Agropoli e recentemente nominato procuratore generale della Corte di Cassazione, tra i nostri concittadini più illustri. Al di là della carriera professionale, ha testimoniato l’amore per Agropoli scelta quale residenza per oltre un ventennio».
In magistratura dal 1963, 71 anni, Vitaliano Esposito nella sua lunga carriera ha svolto funzioni di vicepretore a Napoli, di pretore ad Agropoli, di sostituto procuratore a Napoli, di magistrato di Tribunale applicato alla Procura generale della Cassazione. Dal ‘75 è stato magistrato di Tribunale applicato alla Corte di Cassazione e dall’81 magistrato d’Appello applicato alla medesima Corte. Inoltre, dall’88 è stato presidente del Tribunale dei minori di Campobasso e successivamente è stato ispettore generale capo presso il ministero della Giustizia e richiamato in ruolo è stato poi sostituto procuratore generale della Cassazione dal ‘92. Dal ‘97 al 2002 è stato destinato fuori ruolo come rappresentante italiano presso il Consiglio d’Europa con funzioni di co-agente del governo presso la Corte europea dei diritti dell’uomo. Infine dal 2002 ha svolto funzioni di avvocato generale presso la Suprema Corte.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©