Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La protesta contro la possibile chiusura del Pronto Soccorso

Agropoli: giunta e consiglieri si autosospendono


Agropoli: giunta e consiglieri si autosospendono
27/07/2010, 15:07


AGROPOLI (Sa) - Consiglieri e giunta comunale di centro-sinistra si autosospendono dai rispettivi partiti. E' quanto sta accadendo in queste ore ad Agropoli, cittadina del Salernitano. La forma di protesta è stata decisa in seguito alla possibile chiusura del pronto soccorso attivo del locale ospedale e di una sua riconversione, come previsto dal piano ospedaliero della Campania. Il sindaco di Agropoli, Franco Alferi, gli assessori e i quindici consiglieri comunali di maggioranza del Consiglio comunale hanno infatti annunciato ufficialmente la presa di distanza dai partiti di appartenenza, il Partito Democratico, l'UDC, l'Udeur, i Verdi e Rifondazione Comunista. A chiarire la decisione, una nota diffusa oggi dal presidente del Consiglio Comunale, Agostino Abate, nella quale si riporta uno stralcio di verbale della conferenza dei capigruppo consiliari, tenutasi nei giorni scorsi. "La storia politico-economica di Agropoli - si legge nel verbale - è costellata da una lunga serie di occasioni di sviluppo sempre sfuggite per assenza di valida rappresentanza locale ai livelli provinciali e regionali" e per " il fallimento totale di tale politica sovra comunale." Per questo motivo, sindaco, giunta e consiglieri comunali agropolesi, prendono le distanze dai propri partiti politici di appartenenza, che non rappresenteranno più, né " in Consiglio Comunale né in altri contesti politici provinciali o regionali, fino a quando non verrà "decretata" la definitiva  permanenza dell'Ospedale di Agropoli nella rete dell' emergenza e dell'urgenza". "E' una protesta voluta dai capigruppo consiliari e dal presidente del consiglio che condividiamo e sosteniamo pienamente - commenta il sindaco Alfieri - Nella vicenda ospedale, che con le ultime scelte uscirà definitivamente dalla rete dell'emergenza, abbiamo riscontrato disattenzione e chiusura verso le esigenze del territorio. Continueremo a dare battaglia per salvaguardare il pronto soccorso della struttura sanitaria.". Qualche giorno fa, sempre il primo cittadino di Agropoli aveva annunciato di essere intenzionato ad iscriversi alla Lega Nord. "E' l'unico partito in grado di difendere i diritti del territorio. La classe politica campana ha fallito", aveva concluso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©