Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Agropoli, posa prima pietra stazione autobus in via Salvo D’Acquisto


Agropoli, posa prima pietra stazione autobus in via Salvo D’Acquisto
21/12/2009, 13:12


AGROPOLI - Si è tenuta questa mattina, lunedì 21 dicembre 2009, la cerimonia della posa della prima pietra e consegna dei lavori per la stazione degli autobus che sorgerà nell’area ex Calcestruzzi in via Salvo D’Acquisto. Presenti il sindaco di Agropoli, Franco Alfieri, assessori e consiglieri comunali. L’opera rientra in una più ampia programmazione di razionalizzazione e potenziamento dei trasporti pubblici e di riqualificazione urbana avviata dall’amministrazione Alfieri. «L’inizio dei lavori della stazione degli autobus – afferma il primo cittadino di Agropoli, Franco Alfieri – rappresenta un ulteriore passo verso la realizzazione di infrastrutture in grado di offrire servizi moderni per la crescita dell’intero tessuto economico. Sorgerà in una zona centrale e strategica per lo sviluppo del territorio comunale, quale via Salvo D’Acquisto, recuperando un’area degradata». «L’intervento – continua Alfieri – permetterà una migliore gestione del traffico urbano ed extraurbano, creando un importante nodo d’interscambio con i trasporti extra urbani da e per la città di Agropoli. E’ previsto un parcheggio per auto, un bar e servizi per i viaggiatori. In futuro pensiamo anche di collegare con una strada la stazione degli autobus con il nuovo liceo scientifico».
I tempi previsti per la realizzazione della struttura sono fissati in sei mesi. La ditta appaltatrice è la C. & G. Costruzioni di Roccapiemonte.
«Stiamo avviando – commenta il primo cittadino agropolese – una serie di opere pubbliche fondamentali per la città. Sono iniziati i lavori per la palestra della danza sportiva a Muoio e presto partiranno i lavori per la palazzina di servizi in via Pio X, dell’oratorio di Santa Maria delle Grazie, del Municipio, del cineteatro. A gennaio, inoltre, inaugureremo il nuovo palazzetto dello sport di via Taverne».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©