Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aguzzino di un Trans fermato dalla polizia a Forcella


Aguzzino di un Trans fermato dalla polizia a Forcella
09/10/2012, 14:43

Aveva intrapreso, circa 9 mesi orsono, una relazione sentimentale con un cittadino romeno che non ha esitato, una volta che sono andati a coabitare insieme, ad estorcergli somme di denaro, oltre a malmenarlo violentemente. Un transessuale, impegnato nel sociale e nella politica, infatti, è stato vittima di continue vessazioni e percosse da parte di un 26enne romeno e, pur avendo avuto il coraggio di denunciare e far arrestare il suo aguzzino, una volta che questi, poco più di un mese fa,  è stato scarcerato, le violenze sono continuate.   La triste vicenda, venuta alla luce solo dopo l’ennesimo atto violento, ha costretto il transessuale a ricorrere a cure mediche ospedaliere, a seguito di un trauma cranico facciale e contusioni varie per il corpo, guaribili in 6 giorni. Gli agenti dell’UPG, nella notte, sono riusciti a cristallizzare la denuncia della vittima, costretta per lungo tempo a versare cospicue somme di denaro per far fronte alle richieste estorsive del 26enne. Il romeno, infatti, venuto a conoscenza che il compagno era proprietario di un locale, pretendeva la vendita dell’immobile, al fine d’intascarsi i soldi, minacciandolo di morte se non l’avesse fatto. La vittima, dopo aver chiesto anche un prestito per far fronte alle richieste estorsive, ha avuto il coraggio di cacciarlo di casa. Questa per l’uomo è stata la scintilla che l’ha indotto ad usare per l’ennesima volta inaudita violenza, minacciando ulteriori ripercussioni future.  I poliziotti, dopo il racconto della vittima che ha denunciato l’accaduto, hanno individuato l’alloggio ove il 26enne aveva trovato riparo e sono intervenuti nel quartiere Forcella, in Via S. Agostino alla Zecca, precludendo all’uomo ogni possibilità di fuga. D.I.L. ,di 26anni, è stato sottoposto dai poliziotti a fermo d’indiziato di delitto, per il reato di estorsione aggravata ed indagato per il reato di lesioni personali dolose e condotto al carcere di Poggioreale. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©