Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Confermata la delibera sulla pillola abortiva

AIFA: "Per la RU486, sul ricovero non decidiamo noi"


AIFA: 'Per la RU486, sul ricovero non decidiamo noi'
02/12/2009, 16:12

ROMA - Fallita la manovra del Ministro del Welfare Maurizio Sacconi di bloccare la distribuzione della pillola abortiva RU486, per una sua presunta incompatibilitàcon la legge 194 sull'aborto, scaricandone la responsabilità sull'Agenzia Italiana del Farmaco. Infatti il CdA dell'AIFA - secondo quanto si è appreso - ha specificato che la questione del ricovero non è nella sfera decisionale dell'Agenzia, ma spetta a Governo e Regioni.
Infatti il punto controverso è questo: il Ministro Sacconi, affermando che nella 194 parla di un obbligo di ricovero per la donna che decide di abortire (cosa peraltro falsa, nella 194 non c'è scritto nulla del genere, ndr), ha chiesto all'AIFA di imporre il ricovero ospedaliero alle donne che prenderanno la RU486 nel periodo compreso tra il momento in cui prendono la pillola abortiva al momento in cui è verificata l'espulsione dell'embrione. Periodo che può essere lungo anche 20 giorni ed in cui comunque la donna è assolutamente in grado di attendere alle sue quotidiane attività. Di conseguenza il ricovero è, da un punto di vista medico, assolutamente superfluo, se non ci sono complicazioni; ma in questo caso è prassi, negli altri Paesi, che la donna possa contattare immediatamente il medico per un eventuale ricovero, se necessario.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©