Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrestati un penalista e due dottori

Aiuti ai boss, arrestati medici e avvocati


Aiuti ai boss, arrestati medici e avvocati
13/02/2013, 20:55

Soldi in cambio di trattamenti di favore. È quello che facevano i boss per ottenere arresti domiciliari, ricoveri in cliniche private, permessi per motivi di salute. E così, per anni, è andata avanti la "struttura" allestita da un noto avvocato penalista romano, Marco Cavaliere, scoperta stamani grazie ad u’operazione della squadra mobile di Roma guidata da Renato Cortese e coordinata dal Procuratore Giuseppe Pignatone.  A finire in manette non solo l’avvocato ma anche  due periti medici, Alfonso Sestito e Valerio Di Tullio che per conto della Procura e dei giudici "verificavano" le condizioni di salute dei detenuti clienti dell'avvocato Cavaliere, il comproprietario della clinica privata Sant Alessandro, Massimo Romeo, lo psichiatra dell'Asl di Roma, Arcangelo Italiano, due camorristi che operano su Roma, Carmine Bongiorno e Mario Di Gregorio, ed un  condannato per omicidio di origine albanese, Gvock Voli Edmund. Il provvedimento di custodia cautelare per i personaggi coinvolti nell'inchiesta è stato emesso dal Gip di Roma Alessandra Boffi e tutti gli arrestati devono rispondere a vario titolo di associazione a delinquere, corruzione falso ed altri reati.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©