Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al bar per predere una "dose" di caffè: donna in manette a Napoli


Al bar per predere una 'dose' di caffè: donna in manette a Napoli
23/06/2011, 13:06

Un cassetto magico a scomparsa, creato nel bancone dove veniva servito il caffè, utilizzato per nascondere oltre 100 grammi di “cocaina”, un bilancino di precisione e l’incasso della vendita della droga è quanto hanno scoperto gli agenti della VI^ sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile, nel corso di un servizio di osservazione che ha portato all’arresto di M.P., di 48 anni.

I poliziotti hanno accertato che, i vari avventori del bar, oltre a sorbire un caffè, accedevano nel locale per acquistare dosi di cocaina.

Dopo aver assistito allo scambio droga-soldi, gli agenti hanno fatto irruzione nel bar, ubicato in Via Carbonara, per procedere ad una perquisizione.

Benché il rapporto fiscale della caffetteria documentava che l’incasso sino a quel momento ammontava a €.21,00, gli agenti hanno sequestrato la somma di €.460,00, rinvenuta nel cassetto a scomparsa, sicuro provento della vendita illecita della droga.

La donna, convivente di un esponente del clan Mazzarella, arrestato dagli stessi agenti 6 giorni fa, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, è stata arrestata e condotta al Carcere di Pozzuoli, perché responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di droga.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©