Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Al Trianon, il famoso musical «Rent» nel nuovo adattamento in napoletano


Al Trianon, il famoso musical «Rent» nel nuovo adattamento in napoletano
29/01/2013, 17:11

Rent, il famoso musical di Broadway, sarà al Trianon nel nuovo adattamento in napoletano. Venerdì 1 e sabato 2, alle 21, e domenica 3 febbraio, alle 18, nel teatro della musica a Napoli andrà in scena la famosa opera rock con musica e testi di Jonathan Larson, ispirata dalla Bohème di Giacomo Puccini, nella particolare nuova ambientazione e riscrittura in dialetto di Andrea Tartaglia.

Il musical si è aggiudicato prestigiosi premi come il Pulitzer e il Tony award e ha conseguito il primato di essere uno dei dieci musical più longevi di Broadway, dove ha debuttato nel 1994.

Presentato in anteprima nell’ultima edizione del festival Benevento città spettacolo, questa produzione sposta l’azione dal Lower east side a Napoli adattando, quindi, anche i dialoghi.

Spiega il regista Enrico Maria Lamanna: «Napoli ha diverse analogie con New York: oltre a essere sulla stessa latitudine, vive un fermento giovanile fortissimo e problemi come sfratti, disoccupazione e spazzatura. Ecco, quindi, questo Rent, in napoletano, che vive nei nostri vicoli, nei nostri problemi e nella nostra invivibilità, con sedici giovani attori che, invece, di descrivere le nuove realtà artistiche newyorchesi, evocano De Filippo, Ruccello, Scarpetta, Servillo, Martone e Falso Movimento».

Accanto alla coppia Luca Notari e Stefania Fratepietro, i due protagonisti bohèmiens, ovvero rispettivamente Rodolfo e Mimì, il musical vede in scena Annalisa Amodio, Daniele Arceri, Simona Capozzi, Alessandro Marino, Timothy Martin e Giuseppe Orsillo. Con loro Domenico Carozza, Francesca Di Giacomo, Anna Ferraioli, Fernanda Pinto, Alberto Rovello, Davide Schiavo, Emanuele Sgroi e Raffaele Vermiglio.

La band dal vivo è composta da Emiliano Benni al piano, Stefano Ciuffi alle chitarre, Sergio Tentella alle percussioni ed Ermanno Dodaro al basso, con la direzione musicale dello stesso Benni.

Vocal coach e aiuto regia Michele Savoia.

Le scene di Paul Clay e i costumi di Angela Wendt sono curati da Chiara Paramatti.

Le coreografie originali di Marlies Yearby sono riprese da Francesca Taverni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©